Occasione di lavoro all’Università di Palermo. Ha preso, infatti, il via un concorso per sei posti all’interno delle segreterie amministrative dell’Unipa. Saranno assunte sei risorse di categoria B, posizione economica B3, dell’Area Servizi Generali e Tecnici, da destinare all’Amministrazione Centrale d’Ateneo presso la Segreteria Tecnica del Rettore, la Segreteria del Direttore Generale e l’Area Economico Finanziaria.

Il contratto avrà validità 12 mesi, con possibilità di rinnovo. Compito dei sei assunti sarà quello di implementare il bilancio unico dell’Ateneo in base a procedure prestabilite, nonché di svolgere compiti per gli adeguamenti statuari.

Per partecipare al concorso è necessario possedere un diploma di scuola media inferiore e una qualifica professionale (ai sensi della legge 845/1978) o un diploma di scuola media superiore; avere cittadinanza italiana o essere cittadino europeo; godere di diritti civili e idoneità fisica. È necessario, inoltre, essere maggiorenni e in regola nei confronti dell’obbligo di leva.

Sarà possibile presentare la domanda di partecipazione (qui il modulo in pdfentro e non oltre il 4 febbraio 2013. Le domande dovranno essere stampate, firmate, scansionate e trasmesse all’indirizzo e-mail pec@cert.unipa.it.

Il bando, infine, è possibile scaricarlo cliccando qui.

26 Risposte

  1. francesco

    ma per il modulo da compilare in pdf??? non viene dato nessun modulo nel link collegato…..

    Rispondi
  2. Chiara

    Trovo paradossale che in un concorso bandito dall’Università la laurea non valga una ceppa nella valutazione dei titoli…

    Rispondi
  3. Midori

    Leggo dalla domanda di partecipazione che deve essere effettuato un versamento di 10€. Ma il versamento dei 10€ a che titolo?

    Se non ci fosse stato di mezzo il “nome” dell’Università, sinceramente avrei ritenuto il concorso poco serio…
    Mi riservo cmq il diritto di mostrare un po’ di scetticismo nonostante sia un concorso indetto dall’Università.

    Rispondi
  4. Olivia

    Rimango perplessa per il fatto che aver lavorato per enti pubblici faccia punteggio. Alla faccia della parità di opportunità.

    Facendo quattro conti, se solo si presentano 6 persone che hanno già lavorato in precedenza che riescano ad avere il massimo del punteggio, anche se ad esempio avessi anche il massimo del punteggio nelle prove, non avendo lavorato già non avrei alcuna possibilità.

    Insomma è come giocare alla lotteria dove però non ho alcuna probabilità di vincere. Devo solo sperate che non si presentino persone che già hanno avuto precedenti contratti di lavoro. Vi sembra equo?

    Rispondi
  5. Olivia

    Dimenticavo. Così come si dà la possibilità a chi non è nelle condizioni di reddito di studiare applicando esenzioni o tassazioni ridotte, pagare 10€ non è anch’esso discriminante. Sono 10€ ma per chi non lavora e non ha alcun reddito dico nulla da diversi anni non è assurdo?

    Rispondi
  6. Federica

    Avrei una domanda:ma nella dichiarazione sostitutiva e nell’atto di notorietà cosa devo dichiare?riscrivo tutti i punti della domanda?di solito queste cose sono in un punto della domanda stessa…nn dei fogli a parte…nn capisco…scusate l’ignoranza..

    Rispondi
  7. francesco

    Si capisce che questo concorso è per reinserire all’interno dell’università persone che già vi hanno lavorato o a cui sta per scadere il contratto all’interno della stessa!!! è una buffonata alla quale io parteciperò, non si butta via nulla, ma dove è già scontato il risultato!!! Riguardo alla modulistica da completare e mandare via PEC non so chi l’abbia scritta, ma lascia a desiderare!!!

    Rispondi
  8. Federica

    Francesco era quello che chiedevo anch’io!ke vogliono dichiarato???cmq hai perfettamente ragione…la modulistica lascia troppo a desiderare!e per gli esterni sarà difficile pure passare la preselezione mi sa….

    Rispondi
  9. Jacquie

    Quantomeno non sottolineate di essere laureati, per favore! Veramente non sapete come si compilano un atto di notorietà o una domanda di partecipazione ad un concorso pubblico? Il versamento di 10 euro è prescritto dalla legge, non lo ha stabilito Unipa.
    Come per i test d’accesso ai CdL, penso che la prima selezione venga fatta ancora prima della somministrazione dei quesiti delle prove. Purtroppo troppa gente si fa aiutare da mamma/papà/fratelli/sorelle/zii/cugini nella compilazione, e qualche capra più del necessario riesce a partecipare al concorso! Oh, in bocca al lupo.

    Rispondi
  10. Midori

    Bè Jacquie nn ti stupire se molti di noi nn sanno a che titolo sn chiesti i 10€, o se molti (compresa me) hanno usufruito dei potenti mezzi di internet per sapere come si compilano l’atto di notorietà e la dichiarazione sostitutiva perchè queste cose si imparono con l’esperienza, visto che almeno per quanto mi riguarda, nessuno all’università o lungo il percorso della mia carriera scolatistica/universitaria (ancora non conclusa peraltro), mi ha mai spiegato come fare, o meglio, di cosa si trattasse.
    Credo che al giorno d’oggi sia un problema comune quello di terminare più o meno a pieni voti il percorso universitario ma poi a livello pratico, nn sapere dove e come mettere le mani.
    Di sicuro nn mi sento una capra se umilmente ammetto di non sapere e chiedo informazioni a chi ha più esperienza di me.
    I miei genitori, così come i miei nonni, non hanno avuto la fortuna di iscriversi all’università, eppure sono diventati esperti nel settore lavorativo in cui poi si sn impiegati. Di sicuro il non saper compilare un atto di notorietà o una domanda di partecipazione ad un concorso non li ha resi meno competenti ed esperti nel lavoro che hanno svolto.
    La cultura non deve formare persone arroganti nella vita in generale, nè essere motivo di derisione per chi è stato meno fortunato e la possibilità di studiare neanche ce l’ha avuta.
    La laurea è un pezzo di carta che non dice assolutamente nulla di una persona e x qnt mi riguarda, l’essere delle “capre” prescinde proprio dal discorso del possederla o meno.

    Rispondi
  11. Federica

    Io nn capisco xkè ci deve sempre essere qualcuno morso da una vipera in questi blog….Jacquie chiedere è lecito e rispondere è cortesia!e tu nemmeno hai risposto alla domanda per cui dubito tu conosca la risposta nel caso in questione…il bando nn è chiaro,i moduli nn sn ben fatti e IN QUESTO PARTICOLARE CASO io come tanti altri abbiamo avuto dei dubbi su cosa volessero effettivamente dichiarato!concordo con Midori che queste cose nn le insegnano a scuola x cui essere laureati o meno nn fa testo…questo dovrebbe essere un blog dove aiutarsi a vicenda nn un posto dove lanciare offese inopportune!

    Rispondi
  12. Jacquie

    Non c’è nulla di male nel non avere pratica nella compilazione di moduli o nel non sapere che per partecipare ad un concorso pubblico bisogna pagare. Non sopporto che si debba sempre dare la colpa a qualcun altro: “i moduli non sono ben fatti”. Vi prego, ditemi che state scherzando! Cosa c’è di oscuro in questi benedetti moduli?!
    Midori, nel precedente post non intendevo dire che un laureato deve saper compilare un modulo e un non laureato puà non saperlo fare. Un modulo dovrebbe essere qualcosa di intuitivo, e non serve un master per imparare a compilarlo. Serve esperienza, forse, come dici tu. Beh, mi riesce difficile immaginare che la gente che ha commentato prima di me non si sia trovata a compilare moduli centinaia di volte. Il fatto è che ogni minimo sforzo deve esser fatto passare come un’impresa, in modo da poter dire, in caso di fallimento “non era colpa mia”. Non c’è motivo.

    Rispondi
  13. Midori

    Guarda non ti nego che ho scritto di mio pugno una dichiarazione sostitutiva almeno un paio di volte, ma l’ho sempre chiamata “autocertificazione”, quindi lì x lì ho detto: e in questo foglio che devo scrivere?
    Non così x l’atto di notorietà, che onestamente è stata la prima volta che c’ho avuto a che fare e il nome altisonante “atto di notorietà” nn aiutava.
    Anche se può essere assolutamente intuitivo saper compilare dei moduli, nn ci vedo nulla di male a chiedere per avere la sicurezza che lo si sta facendo nel modo giusto, visto che basta il minimo errore per essere esclusi dal concorso. E al giorno d’oggi, in cui lavoro nn ce n’è neanche a pagarlo,nè si trovano opportunità del genere, si cerca di evitare di farsi escludere x errori così stupidi.
    Mi viene anche in mente un detto siculo che sicuramente conoscerai: Cu avi lingua passa u mari.

    Rispondi
  14. Olivia

    Se avete dei dubbi, perchè non chiedete alla responsabile del procedimento, anzichè perder tempo ad azzannarvi?

    Rispondi
  15. Midori

    Stiamo discutendo (nn azzannandoci) sul discorso del se chiedere info a chicchessia su dichiarazioni sostitutive&co possa essere degno di un laureato o meno.
    Se avessi avuto dubbi così irrisolvibili non mi sarei fatta problemi a chiamare la responsabile del procedimento, perchè anche se fossi stata laureata, non mi sarei vergognata di farmeli chiarire laddove li avessi avuti. Non ci vedo nulla di così deprecabile in questo.
    Per quanto mi riguarda, i miei dubbi li ho già risolti.

    Rispondi
  16. Olivia

    C’è qualche persona che vuole prepararsi agli esami con me? Ho già sviluppato domande e risposte che scambierei volentieri per esercitarsi insieme al massimo 4 persone presso la biblioteca del verde terrasi o in altre biblioteche o aule dell’università. Se qualcuno avesse anche un pc portatile anche meglio in modo da poter visualizzare a video il materiale e non doverlo stampare. Scrivetemi pure alla casella di posta oliviasalina@gmail.com

    Rispondi
  17. fabiana

    ciao ragazzi. avendo cambiato un po’ il sito unipa, non mi si collega più alla pagina in cui dovevano essere pubblicate le date…avete notizie a riguardo?

    Rispondi
  18. ema

    apri il portale vai su cerca e in strutture scrivi personale. clicca sul link sezione reclutamento del personale e trovi tutto

    Rispondi
  19. Federica

    ciao a tutti! oggi ho ricontrollato se sono uscite le date x il test e vedo ke hanno pubblicato:
    -Nomina Commissione
    -Elenco candidati esonerati dalla preselezione ai sensi dell’art. 5 del bando di concorso e che pertanto sono ammessi direttamente alla prova scritta.
    ke vuol dire??ke chi non è in elenco è già fuori?in teoria no…ma le date della preselezione dove sono??
    qualcuno ha notizie in merito?

    Rispondi
  20. Noe

    Ciao Federica..i candidati esonerati dalla preselezione sono coloro che hanno già svolto almeno un anno di servizio presso l’università..e quindi avendo un punteggio superiore al nostro possono saltare la prova preselettiva e fare direttamente gli scritti…noi invece la preselettiva la dobbiamo fare;)

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.