Rum

«C’era un problema comune che stava a cuore a tutti di risolvere, e ciascuno lo metteva avanti agli altri suoi interessi personali, e di tutto lo ripagava la soddisfazione di trovarsi in concordia e stima con tante altre ottime persone».

Sono questi i passi tratti da Il Barone Rampante di Italo Calvino che possono descrivere appieno il mio ingresso come membro di Rum (Rete Universitaria Mediterranea), la mia esperienza da candidata, i miei primi passi da rappresentante del corso di Laurea in Scienze del Turismo.

Premesso ciò, non posso non ricordare la data del 6 dicembre dello scorso anno, quando la Rete Universitaria Mediterranea è riuscita a scrivere un’altra importante pagina nella storia dell’Ateneo. Si è, infatti, per la prima volta affermata in una facoltà come quella di Economia, superando ogni aspettativa. In questo modo si sono aggiunti alla squadra di lavoro, composta da me e da Andrea Grotta, anche tre consiglieri del corso di Laurea.

Tutto questo conquistato grazie al duro lavoro e alla dedizione con la quale la Rum ha sempre affrontato ogni sfida.

La Rete Universitaria Mediterranea – lo ricordo – nasce nel 2010 dalla volontà di molte associazioni universitarie e territoriali che hanno voluto così creare una rete di coordinamento, capace di sintetizzare il proprio impegno in una sola forte voce.

La Rum è costituita da soggetti e da associazioni universitarie presenti nell’area del Mediterraneo, che già operavano singolarmente e che hanno avvertito l’esigenza di riunirsi sotto un unico simbolo e seguire la medesima direzione.

La Rete si pone come obiettivo primario il miglioramento dei servizi per gli studenti in un’ottica di confronto con tutti gli Atenei che si trovano nei Paesi dell’EuroMed e il favorire una maggiore mobilità in ambito culturale e lavorativo.

Nelle ultime elezioni universitarie per il rinnovo degli Organi superiori e dei Consigli di Facoltà, che si sono svolte nel maggio del 2010, Rum ha raccolto un eccezionale consenso da parte degli studenti dell’Università di Palermo.

Rum, infatti, è risultata essere la prima lista di Ateneo, eleggendo Nelli Scilabra – l’attuale assessore regionale alla Formazione e all’Istruzione – al Senato accademico e Filippo Perconti al Consiglio d’amministrazione dell’Ersu.

Detto ciò, concludo così come ho iniziato, ovvero riportando un’altra citazione tratta da Il Barone Rampante, fiera ed orgogliosa dei risultati ottenuti fino ad ora:

«Capì questo: che le associazioni rendono l’uomo più forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia che raramente s’ha restando per proprio conto, di vedere quanta gente c’è onesta e brava e capace e per cui vale la pena di volere cose buone (mentre vivendo per proprio conto capita più spesso il contrario, di vedere l’altra faccia della gente, quella per cui bisogna tener sempre la mano alla guardia della spada)».

17 Risposte

  1. marco ventim.

    Bravissima! Anche se non dimentichiamoci delle altre associazioni universitarie!

    Rispondi
  2. elena

    V PREGO DI VERIFICARE QUANDO PUBBLICATO O DICHIARATA NEI VOSTRI ARTICOLI. RUM NON E’ ASSOLUTAMENTE LA PRIMA ASSOCIAZIONI, ALNO RIGUARDANDO LA RAPPRESENTANZA ELETTA

    Rispondi
  3. Libero

    Non vedo dove sta il problema. Se invii un tuo articolo conosceremo tutti la storia di qualche altra associazione universitaria. L’informazione è libera!

    Rispondi
  4. elena

    poichè i fatti non sono smentibili ne interpretabili vi giro il link ufficiale http://portale.unipa.it/home/News/notizie/elezioni20101.html

    Prego la redazione di non diffondere false notizie mi vedrò costretta a tutelare l’immagine della parte lesa. CHIaro? NElli è l’unica degli OOCC che non ha superato i 3000. CHiaro. Ha tutta la mia stima, è capacissima ma non diciamo mensogne. Lei non ne direbbe CHiaro?

    Rispondi
  5. Libero

    appunto, menomale che i dati parlano chiaro, se leggi attentamente capirai che è stata la prima eletta con 2859 voti che sono vicinissimi a 3000 voti.

    Rispondi
  6. Francesco

    Il primo degli eletti è stato Luca Lombardo (cda Ersu) della RUN con 3013 voti, secondo Marco Sucameli (cda Uni) 3004 dell’UDU, Terzo Filippo Perconti (cda ersu) con 2860 voti RUM e solo quarta Nella Scilabra 2859. Invito i redattori del blog a verificare le informazioni che vengono riportate nei post pubblicati. Veicolare delle infromazioni che non rispecchiano la verità è cosa assai grave.

    Rispondi
  7. Francesco

    Ok, va bene lo può inviare liberamente ma eticamente e moralmente dovrebbe affermare la verità che è oggettiva come riportata dai dati dell’Ufficio Organismi Collegiali del nostro Ateneo guidato dal Dott. Neri. Da moderatore non dovresti invitare me a controreplicare ma invitare la Signorina Lombardo a rettificare il suo post in quanto i dati riportati dal sito dell’Ateneo dicono tutt’altro. Io non ho nulla da replicare, qui non si tratta di un dato soggettivo opinabile ma di qualcosa di oggettivo documentato e certificato dal nostro Ateneo.

    Buona domenica!

    Rispondi
  8. Chiara

    Ragazzi mi sembra si stia esagerando, tutte le associazioni sono nate con lo stesso interesse di sostegno agli studenti universitari, parlate come se foste in lotta fra di voi piuttosto che uniti nell’interesse comune! E QUESTO mi sembra molto poco etico, minimizzare il lavoro di persone che si impegnano, che siano RUM o qualsiasi altra associazione, alla conta dei voti! Ciò non toglie che se Anna ha sbagliato, perché magari male informata, è giusto che rettifichi lei stessa!

    Rispondi
  9. carlotta provenza

    Sono pienamente d’accordo con Chiara.. Tutte le associazioni devono avere l’unico scopo di fare buona rappresentanza e di essere d’aiuto degli studenti.
    Non importa se si è stati i primi l’importante quello che si è fatti in quest anni.
    La RUM in questi anni ha lavorato per e con gli studenti e continurrà a farlo.
    🙂

    Rispondi
  10. Anna Lombardo

    cari ragazzi rettifico prontamente la mia imprecisione, nelle elezioni universitarie del 2010 la rum é risultata tra le prime associazioni d’ateneo, non la prima lista come scritto. anche perché la rum faceva parte di una lista agli organi superiori che comprendeva altre associazioni. non intendevo assolutamente mettere in dubbio i numeri delle elezioni universitarie.
    resta il fatto che nelli é stata la più votata al senato accademico.

    ciao a tutti penso di essere stata più precisa. vi auguro una buona domenica 🙂

    Rispondi
  11. tiopepe

    @WALTER GIANNO’ CAPISCO CHE DOVETE AVERE MATERIALE PER ANDARE AVANTI MA IL TUO CONTINUO INVITO A INVIARE ARTICOLI è RIDICOLO. QUA SI CHIEDE SOLO DI NON PUBBLICARE MENZOGNE. (PUNTO). QUESTA DIFESA FA CAPIRE MOLTO BENE IL COLORE CHE VOLETE SUPPORTARE CON QUESTO BLOG

    Rispondi
  12. Vanessa

    @Tiopepe sono veramente allibita. Parlo da studentessa unipa, non faccio parte di nessuna associazione e non penso ne farò mai, e sono veramente disgustata dai commenti che si sono letti in questo post. E’ vero che l’Italia rispecchia benissimo i suoi cittadini e così gli eletti. Forse non vi è chiaro che questo è un blog LIBERO, dove tu puoi TRANQUILLAMENTE spedire una email e raccontare la tua storia, e parli di COLORE del blog?? che colore è? No perchè io lo vedo bello azzurro! Se a mandare l’email sono stati solamente UDU e RUM cosa pensi che possano fare i gestori del blog?? venire a casa vostra a supplicarvi di inviare qualcosa?? o scrivono loro sotto falso nome quello che leggono su internet delle altre associazioni?? Veramente sono più che disgustata dall’atteggiamento che vedo. Siete la copia dei nostri politici e volete farci credere che vi impegnate per noi? io vedo ben altro! Ammazzatevi fra di voi, io sicuramente non voterò più nessuno!!
    Mi dispiace per Anna Lombardo che mi è sembrata l’unica educata, bel post!

    Rispondi
  13. Younipa

    Tiopepe l’autrice ha scritto una frase imprecisa e l’ha rettificata. Il blog non ha interesse a supportare alcuna associazione, possiamo pubblicare soltanto post che riceviamo e questo è pervenuto. Ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare). Grazie.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.