Mercoledì 27 febbraio, alle 11, all’interno della cittadella universitaria in viale delle Scienze, presso l’aula 7 dell’edificio 19, ci sarà l’evento conclusivo del progetto EduChange 2013.

Organizzato e promosso da Aiesec Palermo, associazione interamente gestita da studenti universitari e ormai capillarmente diffusa in tutto il mondo, EduChange è un progetto che nasce dell’idea del ruolo fondamentale dell’interculturalità nella società moderna.

Aiesec, da sempre promotore del valore aggiunto della diversità, con questo progetto, ha fatto arrivare in due scuole palermitane coinvolte (sette classi della scuola primaria A. De Gasperi e due classi del Liceo Scientifico E.Basile) alcuni studenti universitari dalla Russia, dal Brasile e dalla Turchia, i quali, in inglese, hanno parlato agli studenti palermitani delle particolarità dei loro paesi affrontato temi riguardanti la legalità, la sostenibilità e l’imprenditorialità giovanile, in una serie di incontri durante i quali dibattere e confrontare punti vista profondamente diversi e a volte lontani.

Anche quest’anno Aiesec Palermo, dunque, è riuscito nel suo intento di creare un’occasione di confronto e di scambio interculturale senz’altro unica, formativa ed istruttiva per chi l’ha vissuta.

Nel corso dell’evento conclusivo del progetto, assolutamente aperto a chiunque voglia assistervi, gli ragazzi in stage presenteranno un loro business plan ed illustreranno in prima persona il lavoro svolto nel corso di queste settimane. Sarà l’occasione per ringraziare quanti vi hanno preso parte e per salutare gli stagisti di Aiesec che, ormai giunti alla fine di questo viaggio, si apprestano a tornare nei loro paesi d’origine con una nuova esperienza nel cuore ed il ricordo dei colori di una cultura, diversa dalla loro, negli occhi e nella mente.

Gli sponsor del progetto: 3M supermercati, Michele Inzerillo for gentleman, International House e Ballarò Food.

I partners: AddioPizzo, Libera Palermo, l’assessore della Provincia Regionale di Palermo con deleghe politiche giovanili e pari opportunità, Doriana Ribaudo e il Professore Umberto La Commare.

Per maggiori informazioni o aggiornamenti è possibile visitare la pagina facebook dell’evento, cliccando qui.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.