Occupazione femminile: problema del Mezzogiorno? Le politiche e i servizi per il lavoro delle donne. Questo il tema del convegno che si svolgerà il 5 aprile dalle 9.30 alle 18.00, nell’Aula Consiglio della Facoltà di Ingegneria, in Viale delle Scienze.

Organizzata dal Progetto LaFemMe di Italia Lavoro in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche dell’Ateneo siciliano, la giornata sarà articolata in due momenti.

Al centro della sessione mattutina le caratteristiche del fenomeno dell’inattività nel Mezzogiorno e le Politiche per favorire la crescita e l’occupazione delle donne.

Aperta dall’intervento del Direttore generale del Ministero del Lavoro, Grazia Strano, la prima parte dell’incontro, dopo i saluti del rettore Roberto Lagalla, vedrà la partecipazione del capo del progetto LaFemMe Antonella Marsala, l’Assessore al Bilancio della Regione Siciliana Luca Bianchi, il rappresentante delle Regioni Alessandro Compagnino, Miranda Cuffaro e Antonio Purpura, docenti di Economia dell’Università di Palermo, e Roberto Cicciomessere, esperto di politiche del lavoro.

A partire dalle 15 è prevista una tavola rotonda sul tema La flessibilità paga? Flessibilità degli orari e dell’organizzazione del lavoro per migliorare la competitività del sistema produttivo e la qualità di vita dei lavoratori. A moderare la sessione pomeridiana Simone Spetia, giornalista di Radio 24. Interverranno Ester Bonafede, Assessore alla Famiglia, politiche sociali e del lavoro della Regione Siciliana, il Segretario confederale della Uil Paolo Pirani, il responsabile delle relazioni sindacali di Nestlè Italia Gianluigi Toia, il docente di Organization Theory del Politecnico di Milano Luigi Campagna, l’amministratore giudiziario dei beni sequestrati alla mafia Andrea Dara e Antonello Montante in rappresentanza di Confindustria Sicilia.

A concludere la giornata l’intervento del presidente di Italia Lavoro, Paolo Reboani.

Gli studenti che parteciperanno al seminario riceveranno un attestato da Italia Lavoro e, dopo lo svolgimento di una prova scritta, vedranno riconosciuto 1 Cfu.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.