Francesco Maria Raimondo


Verranno consegnati il 10 maggio a Capri i Premi Ambasciatore della Natura assegnati per l’anno 2013 ai personaggi distintisi per il grande impegno nella difesa del patrimonio ambientale, naturale, ecologico e paesaggistico in Italia e nel mondo.

Tra i premiati il Direttore dell’Orto Botanico di Palermo, Francesco Maria Raimondo, illustre studioso della flora e Presidente della Società Botanica Italiana, da sempre validissimo promotore della salvaguardia dell’eccezionale biodiversità della Sicilia, con particolare attenzione ai tesori delle Madonie.

Questi i nomi delle altre personalità a cui andrà il riconoscimento: Donatella Bianchi, attivissima giornalista conduttrice di Linea Blu, ben nota per il suo costante impegno in difesa del mare, ha contribuito in modo eccellente a far crescere nel nostro Paese una vera cultura dell’ambiente marino e un convinto amore per la straordinaria vita ad esso legata; monsignor Giancarlo Maria Bregantini, ispirato tutore del Creato, che ci dona bellezza e ricchezza, e della vita della campagna concepita come giardino fecondo di frutti, da non sfruttare egoisticamente, ma da amare e custodire con piena fedeltà, in armonia e reciprocità; Marella Ferrera, creatrice di moda unica, ricca di curiosità, intuizione e fantasia, profondamente legata alla storia e alla natura della propria terra, capace di esprimere emozioni e sensazioni tratte dalla lava e dall’ossidiana, dalla palma e dalla sughera, molto apprezzata a livello internazionale.

Il premio consiste nella bellissima Targa di roccia lavica, con sovraimpressa in ceramica la tavola raffigurante l’allegoria “La Terra ha un Cuore Verde, la Natura”, ideata da Franco Tassi, Responsabile del Centro Parchi Internazionale, e disegnata dall’artista internazionale Deirdre Hyde; promossa da Carmelo Nicoloso, coordinatore del Comitato Parchi per il Mezzogiorno d’Italia, e realizzata da Artesole del Maestro Giuseppe Sorbello di Macchia di Giarre (Catania).

Questa volta lo scenario della premiazione, a conclusione dello Stage dell’Università dei Parchi in calendario dal 7 al 10 maggio prossimo in una delle isole più belle e famose del mondo, sarà quello del Golfo di Napoli, con il suo incantevole arcipelago, sullo sfondo del Vesuvio e di Pompei, culla di una delle più antiche e fiorenti civiltà, capitale storica dello sviluppo della scienza e delle arti, teatro di vicende uniche, che riflettono la straordinaria vitalità mediterranea. Anche attraverso questa manifestazione intendiamo far risorgere l’impegno in difesa della Natura del Mezzogiorno, riportandola all’attenzione italiana e internazionale.

Nell’anno 2012 i premi erano stati attribuiti a Maria Rita D’Orsogna, insigne studiosa italo-americana di fisica, docente in California ma attivissima nel combattere l’invadenza delle trivellazioni petrolifere in Italia e nei mari circostanti; a Sergio Rozzi, sportivo e attivista marsicano, apprezzato specialista dei parchi nazionali e tenace promotore della cooperazione internazionale tra Italia e Perù e della salvaguardia delle Ande; e a Tommaso Ferraro, sportivo siciliano detentore del primato di immersione subacquea per non vedenti e protagonista di molte altre imprese, impegnato nella cooperazione con l’America Latina.

Nell’anno 2011 il riconoscimento era stato assegnato a Tom Perry, il celebre “alpinista scalzo” veneto che percorre montagne e vulcani in tutto il mondo, diffondendo un messaggio di amore per “madre terra” e di solidarietà con tutti i popoli; a Ferdy Sapio, famoso per aver messo in musica e cantato il “Cantico delle Creature” di San Francesco e a monsignor Janek Cielecki, il sacerdote polacco collaboratore di Papa Giovanni Paolo II durante gli ultimi anni del suo pontificato.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.