Gli studenti occupano simbolicamente la sede dell’Ersu. Una protesta portata avanti da una cinquantina di studenti per trovare risposte a quanto richiesto due settimane fa attraverso una petizione organizzata da Run e firmata da 1500 studenti, e nella quale si chiedevano chiarimenti sui ritardi nel pagamento delle borse di studio.

«Ci siamo trovati nelle condizioni di non poter pagare una parte dei benefici – dice Ernesto Bruno, dirigente coordinatore dell’Ersu, al Giornale del Mediterraneo –. Una parte dei fondi è stata trasferita in banca e tra poco sarà trasferita agli studenti, ma, al momento, non copriamo l’intero sistema di benefici. Circa il 75% dei fondi sono già stati erogati o sono in fase di pagamento».

Bruno spiega poi che con i fondi finora a disposizione «ci avviamo a pagare tutto ciò che possiamo ed in particolar modo la seconda rata del primo anno relativo all’anno accademico 2011/2012. Sicuramente non faremo in tempo, e l’erogazione è da rinviare ai primi giorni del mese di luglio. Invito i ragazzi a non mollare, i soldi stanno arrivando».

Nonostante le sollecitazioni, il dirigente precisa di non aver ottenuto risposta da parte del rettorato, dal quale l’Ersu attende circa 5 milioni di euro, ma che “non ci fermeremo. Ci muoveremo nelle modalità che ci sono permesse, ma sono fiducioso per tempi ragionevoli».

Dopo la presentazione della petizione della run, è stata pari a 1,5 milioni di euro la somma ottenuta dall’Ersu dopo la petizione dell’associazione studentesca, ma Bruno fa sapere che a breve saranno stanziati altri 1,5 milioni per il pagamento di sussidi straordinari e una percentuale delle borse di studio per gli anni successivi al primo relative all’anno accademico in corso.

A dire la sua al Giornale del Mezzogiorno sui risultati finora ottenuti Salvatore Iacono, rappresentanti degli studenti al Cnsu: «Come Run, non possiamo essere sicuramente soddisfatti al momento, ma ringraziamo comunque tutti coloro che hanno firmato la petizione e che oggi hanno partecipato al sit-in di protesta».

Ma Iacono tiene a precisare che «continueremo a monitorare la situazione e ad impegnarci fino a quando tutti gli aventi diritto riceveranno i loro soldi. Nel caso in cui non si arrivi a questa situazione di normalità, si riserva la possibilità di intraprendere azioni di diverso tipo, anche legali». A proposito, infine, dell’Ersu, Iacono osserva che «deve assumersi la responsabilità di incitare il rettore. Se, con una nota, non otterrà nessun risultato, intraprenda altre strade».

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.