Si apre oggi la quinta edizione di UniverCittà inFestival, iniziativa dell’Ateneo palermitano che dedica dodici giorni all’insegna della musica, del talento, del sociale e della solidarietà. E quest’anno la manifestazione universitaria, che si sviluppa in sinergia con il Comune di Palermo e la Regione siciliana, si intitola “Honoris causa” perché vedrà il conferimento il 5 luglio della laurea a Mogol e il 10 a Giuseppe Tornatore. A seguire sono previsti gli incontri dedicati alla formazione e all’inclusione sociale promossi dal Progetto Produrre Sociale X fare Comunità, e ancora nove concerti che spaziano dal jazz a Rocke10elode, rassegna musicale che vede coinvolti giovani band delle scuole superiori di tutta la Sicilia fino alla musica classica proposta dall’orchestra del Teatro Massimo.

«L’attuale governance dell’Ateneo fin dal suo insediamento – dice il rettore Roberto Lagalla – ha assunto il compito e la responsabilità di re-immaginare l’Università, le relazioni con le istituzioni e con i capitali territoriali e sociali locali da valorizzare, rafforzando il consenso culturale e sociale intorno all’Ateneo in modo da consolidarne la missione di motore culturale del territorio». E per Maurizio Carta, pro-rettore agli Eventi culturali, «Anche quest’anno l’Ateneo di Palermo si offre come un tassello importante della storia, della vita quotidiana e delle ambizioni future della città. Esso propone un modello di università di territorio che non solo sviluppi la sua funzione culturale nella città ma che agisca concretamente per promuoverne innovazione e sviluppo, cultura e creatività, democrazia e partecipazione, qualità e coesione».

E si parte oggi alle ore 19:00 con la serata in memoria dei caduti delle stragi d’estate, cui prenderanno parte il rettore Roberto Lagalla, il magistrato Giuseppe Ayala, il presidente e il vicepresidente della Fondazione Falcone, Maria Falcone e Alfredo Morvillo e il questore Nicola Zito. Seguirà alle 21 il concerto “Al Patire Virtù” del Coro delle voci bianche del Conservatorio Vincenzo Bellini, che si ispireranno al Va’ pensiero di Giuseppe Verdi. Sul podio il maestro Antonino Sottile, al piano Antonio Fiorino.

Younipa è media partner di UniverCittà inFestival.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.