Un ambizioso progetto di solidarietà per aiutare le popolazioni più povere del Madagascar.

Patrocinato, tra gli altri, dall’Università degli Studi di Palermo, sarà presentato martedì 16 luglio alle 21 nei locali della Tonnara Florio il progetto Nave Ospedale, un veliero donato dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali trasformato in un vero e proprio ospedale.

All’interno della nave, infatti, saranno presenti una sala operatoria, diversi ambulatori, un laboratorio di analisi e una moderna sala di radiologia. Presente anche un’unità odontoiatrica.

La nave verrà utilizzata come ospedale itinerante. Grazie al supporto di alcune istituzioni e al contributo del volontariato locale la fase di realizzazione ha raggiunto le battiture finali e il progetto sta per essere concretizzato attraverso la ricostruzione di un vecchio rimorchiatore sovietico usato per la pesca e successivamente posto in disarmo per cessata attività.

La serata di martedì rappresenta, dunque, una buona occasione per raccogliere fondi in favore dell’iniziativa e fornire, in tal modo, aiuti sanitari a uomini, donne, bambini meno fortunati. Utilizzando il curioso ospedale, infatti, si potranno raggiungere facilmente le aree più isolate al largo della costa orientale dell’Africa e intervenire prontamente in eventuali situazioni di emergenza scatenate da calamità naturali e/o eventi bellici.

Nel corso della serata di presentazione gli ospiti saranno accompagnati dalle note e dalla melodia di Giuliana Di Liberto, uno dei prospetti vocali più interessanti del panorama pop e jazz italiano.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.