L’Università di Palermo ha istituito una serie di agevolazioni per gli studenti meritevoli e meno abbienti e impone una contribuzione aggiuntiva per i fuori corso.

Gli studenti che intendono immatricolarsi o anche iscriversi agli anni successivo al primo possono usufruire di un finanziamento a tasso zero da 1500 euro concesso dall’istituto bancario Credem.

Chi ha ottenuto un voto di diploma compreso tra 95 e 99 avrà restituito i contributo di partecipazione al test di ingresso. Chi ha avuto 100 e si immatricola a un corso di laurea o di laurea magistrale a ciclo unico e appartiene alle tre fasce di reddito più basse si vedrà restituire sia il contributo di partecipazione al test di ingresso, sia la seconda rata delle tasse e dei contributi per l’immatricolazione. Chi rientra fra la quarta e l’ottava fascia avrà indietro almeno il contributo di partecipazione al test di ingresso.

I fuori corso pagheranno tra 50 e 200 euro in più in base alle fascia di riferimento.

Il rettore Roberto Lagalla ha dichiarato: «In un territorio come la Sicilia, dove le difficoltà economiche si fanno sentire pesantemente ribadiamo il ruolo cruciale che l’università deve avere nella formazione dei ragazzi e come presidio di legalità e di sviluppo. Per questo abbiamo deciso di venire incontro alle esigenze delle famiglie nella logica della meritocrazia e dell’efficienza».

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.