È del mese di giugno la formulazione delle tasse aggiuntive per i fuori corso che prevede un rincaro che va dai 50 ai 200 euro a seconda della fascia di appartenenza. Contributo che, versato contestualmente alla prima rata, non si applicherà agli studenti che transiteranno al nuovo ordinamento. Pubblichiamo il comunicato dell’associazione studentesca Uniattiva che fa sapere la sua posizione a riguardo.

«Ci rincresce vedere che i rappresentanti degli studenti in CDA sono rimasti inermi davanti a una norma dannosa e stupida; c’è bisogno di far cambiare mentalità all’amministrazione e agli studenti, gli studenti fuoricorso non sono studenti di serie B, bisogna aiutarli a completare il percorso di studi non tassarli ulteriormente – dichiara Ruggero D’Amico – Magari lavorano per pagarsi gli studi, o hanno avuto problemi personali che li hanno indotti a rallentare, magari hanno figli o genitori da accudire, essere fuoricorso non vuol dire automaticamente essere fannulloni e l’iscrizione part-time è una buffonata ben congegnata, inutile così com’è stata concepita».

L’iscrizione part-time, inoltre, non è una reale soluzione della problematica, bensì è un artifizio dell’Università per ridurre gli studenti F.C. (gli iscritti part-time, infatti, non sono considerati dei fuoricorso) non dando loro la possibilità di scegliere. Infatti, se lo studente non riesce a dare almeno un tot di cfu all’anno (12 Cfu per il primo e 18 per gli anni successivi) è costretto dal sistema informatico ad immatricolarsi part-time non permettendo, così, nemmeno di partecipare alla BdS dell’Ersu e a tutti i benefici alternativi (contratto part-time e/o sussidi straordinari) non potendo accumulare i Cfu utili per accedere ai requisiti negli anni successivi.

Lo studente ha e può avere dei problemi tali che non gli permettano di dare un tot di Cfu l’anno, ma è anche vero che lo studente può recuperare e avere la possibilità di rimettersi in linea con i propri studi. Le imposizioni di questo genere non sono in linea con una politica democratica che guarda al diritto allo studio, bensì una vera e propria minaccia per tutti gli studenti. I nostri Ateneo ormai sono diventati delle aziende a tutti gli effetti, la nostra idea di università è pubblica e alla portata di tutti che dia una possibilità di scelta a 360°.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.