«Non ne posso più. Questi continuano a professarsi paladini della legalità, del bene, dell’antimafia… Addirittura scomodano i morti (vedi Peppino Impastato durante la loro campagna elettorale) e poi non hanno il minimo senso civico. Continuano a rimpire di colla e rifiuti l’università. Imbrattando tutto ciò che è possibile imbrattare. Come ben sapete questi manifesti attaccati rimangono per anni ed anni, decenni, lì loro dove li hanno messi. Scompariranno pian piano con il sole che li sbiancherà o quando ancora loro, incivili, li ricopriranno ancora. Diritto allo studio? Il diritto al decoro dove è? Perché il rettore non li richiama ufficialmente all’ordine… che schifo!».

Questo il testo che uno “studente indignato” ha inviato a blog@younipa.it.

12 Risposte

  1. arrabbiatissimo

    Ma perchè non lI FANNO PAGARE PER QUELLO CHE COMMETTONO….TESTE PICCOLE MENTALITà VECCHIE!

    Rispondi
  2. Giuseppe

    Articolo e commenti di persone che vanno contro alla stessa associazione nonostante tutti le locandine che riempiono l’Unipa sono poco credibili…

    Rispondi
  3. Giuseppe

    PS nella foto stessa si vede che sotto i necrologi c’erano già strati di locandine tra cui quelle UDU-RUM non quelli di peppino impastato…

    Rispondi
  4. angela

    non la penso come voi! il diritto allo studio è morto davvero! è questi manifesti sono un invito a unirci tutti per farci sentire!! non aggrappatevi al decoro perchè quando ci sono state le elezioni tutte le associazioni studentesche hanno imbrattato l’università di volantini … quando erano tirati in ballo gli interessi delle varie associazioni universitarie nessuno ha pensato al decoro e ora vi permettete di dare dei “delinquenti a quelli della RUM perchè si stanno occupando del diritto allo studio? passatevi una mano sulla coscienza!

    Rispondi
  5. Riccardo

    Chi ha fatto quest’articolo e chi ha scritto i commenti “indignati” è l’esempio che la mentalità del berlusconismo, bigottismo misto a falsa identità misto a pochezza di contenuti, sia arrivata anche a chi si professa “di sinistra”. Bene cari colleghi, ora siete pronti per la politica a più ampie sfere! P.s: Younipa, perchè neanche un accenno alla manifestazione di oggi? Non basta solo un articolo di introduzione al sit-in! Viva l’imparzialità!! Ah, magari un’altra volta metterei due o più foto che ritraggano due o più manifesti di cui la cittadella è piena e non solo quelli che mirano ad un determinato soggetto! Non esitate a contattarmi, vi darò io qualche lezione di giornalismo!

    Rispondi
  6. Walter Giannò

    @Riccardo: da Giornalista ti dico che te le stai prendendo con un post e non con un articolo, perché questo non è un giornale. E mi pare che, con l’inserimento dell’e-mail, tutti hanno la possibilità di replicare. Ma se non arriva…

    Rispondi
  7. Fabio

    Da studente universitario sono pienamente d’accordo con questo post. è una vergogna riempire tutto con la colla, anche per strada e poi non pulire.
    Trovo pure assurdo da PALERMITANO imbrattare non solo la CITTADELLA MA ANCHE TUTTA LA CITTà. Quindi cari ragazzi della RUN vi chiedo di pulire quello che avete sporcato. da studente a studente…

    Rispondi
  8. angela

    che è brutto sporcare è vero! ma tutte le associazioni sporcano quando si tratta di elezioni e nessuno si lamenta! è ovvio che avete qualcosa contro la RUN! secondo ciò che avete scritto sarebbero da denunciare tutte le associazioni allora!

    Rispondi
  9. Younipa

    Angela il blog non ha interesse né motivo di essere schierato con un’associazione o con un’altra. Siamo disponibili a ospitare tutti gli i post e contributi che arrivano al nostro indirizzo di posta elettronica. Saluti.

    Rispondi
  10. angela

    mi sono espressa male probabilmente. mi scuso! Il mio commento negativo non era rivolto a younipa ma allo “studente indignato”. so della vostra disponibilità a pubblicare tutti i post indipendentemente da dove vengano…

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.