L’Università degli Studi di Palermo appoggia il progetto Oltre il tappo che vedi…, nato da un’intuizione dei Libera Junior, gruppo di giovani under 18 iscritti all’associazione «che hanno pensato di potere sostenere realtà in difficoltà economica – spiega il Coordinatore di Libera a Palermo, Giovanni Pagano – che operano nel sociale attraverso la raccolta dei tappi di plastica da destinare ad una apposita azienda che in cambio destinerà una cifra alle associazioni sostenute».

Il progetto prevede che vengano distribuiti i cosiddetti “tapponetti” – boccioni vuoti destinati alla raccolta – nei negozi, nelle scuole, presso le associazioni e in tutti i luoghi che aderiranno all’iniziativa e quindi, a partire da adesso, saranno posizionati anche presso l’Università di Palermo, all’interno dei locali della sede centrale.

I volontari di Libera Junior raccoglieranno periodicamente il contenuto dei tapponetti in un unico punto centrale di raccolta per poter poi progressivamente consegnarli all’azienda. Il ricavato dell’iniziativa verrà devoluto alla rete dei Centri Socio Educativi di Palermo, che raccoglie otto associazioni impegnate nel sostegno alle disabilità di diversa tipologia nella nostra città.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.