Cinquanta milioni di euro, dopo trent’anni di attesa, per riqualificare il Policlinico.

L’Università degli Studi di Palermo ha sbloccato fondi per nuove edificazioni pari a 6.400 metri quadrati, tunnel sotterranei di collegamento tra i reparti, nuove dotazioni tecnologiche e ristrutturazioni per 25.900 metri quadrati.

Il cantiere – il secondo più costoso a Palermo dopo quello per la realizzazione del tram – sarà domani accessibile ai giornalisti per una visita alle aree di lavoro.

A prendere parte alla presentazione il rettore Roberto Lagalla, i vertici dell’azienda Policlinico, il delegato alla ricerca Vincenzo De Leo, il delegato ai rapporti con il Policlinico, Giovanni Cerasola, il presidente della Scuola di Medicina Francesco Vitale, il pool di progettisti guidato da Iano Monaco, i rappresentanti della ditta, la Sikelia costruzioni.

Dopo una breve presentazione in aula Ascoli, comincerà la visita guidata al cantiere.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.