«Palermo è una città elegante, pulita, estremamente ricca di edifici e dotata di tutto quanto si possa pretendere, quasi come Firenze».

A dipingere l’immagine del capoluogo siciliano è Sigmund Freud che il 9 settembre 1910 sbarcò in città per poi spostarsi a Segesta, Girgenti e Siracusa.

E per ricordare il passaggio a Palermo del padre della psicanalisi, sabato 5 luglio a viale delle Scienze è stato inaugurato il “Giardino di Freud”.

A prendere parte tra gli altri alla cerimonia, il sindaco Leoluca Orlando, il Rettore Roberto Lagalla e il presidente della Società Psicoanalitica Italiana, Antonino Ferro.

Foto di Igor Petyx

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.