Cinquecento euro. Forse anche di più. Questa la spesa che le famiglie devono affrontare per far partecipare i figli ai soli test d’ingresso.

Tutto pronto, infatti, per i test d’ammissione con cui dovranno confrontarsi le aspiranti matricole. Ultimi giorni prima di varcare i cancelli, sedersi dietro ai banchi simili nella forma a quelli del liceo ma diversi nella sostanza.

Le stime parlano chiaro. Uno studente su quattro – come si evince da una recente indagine di Skuola.net – si iscrive a più test d’ingresso per paura di rimanere con le mani nel sacco e per timore di non vagliare tutte le possibilità a disposizione.

E così la spesa per i genitori cresce a dismisura. Su 1600 studenti il 26 percento degli intervistati dichiara di presentarsi a oltre tre test di ingresso: qualora, infatti, non dovese riuscire a superare la prova d’accesso alla facoltà “preferita”, potrà dirigersi verso altre vie. Uno su tre si è iscritto a due test distinti e il 43 percento, invece, si cimenterà con uno solo.

Per quanto concerne invece il luogo da cui provengono i candidati, il 63 percento ha concluso l’esame di maturità, mentre la percentuale restante sta cercando di entrare all’università dopo aver provato altri percorsi.

Di questa, infatti, il 13 percento frequenta un’altra facoltà ma vuole cambiare strada, il 7,5 percento ha già un impiego ma vuole approcciarsi al mondo universitario e il 16,5, infine, percento non studia e non ha nessuna occupazione.

3 Risposte

  1. Renato

    Da dove verrebbe fuori la cifra media di 500 €? La tassa per i test di accesso è di 45 €.

    Rispondi
  2. Renato

    E’ prorpio per questo motivo che la cifra indicata è assurda. Per raggiungere una media di 500 € ogni famiglia dovrebbe pagare per circa 11 test di ingresso (500/45). L’articolo stesso dice che solo il 26% parteciperà a tre test, il 31% a due e ben il 43% a uno solo. Il totale fa una media di 1.83 test a persona (0.43+0.31*2+0.26*3). Per raggiungere 500 € ogni famiglia dovrebbe avere mediamente più di sei figli a testa (11.11/1.83). Una cifra che non mi sembra molto credibile…

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.