Dopo che ieri abbiamo dato la notizia di Palermo tra le città più convenienti per affittare una stanza, anche il portale immobiliare Idealista.it ha voluto condividere con Younipa, tramite una mail a blog@younipa.it, altri dati che confermano quanto il capoluogo siciliano sia assai meno caro rispetto al resto d’Italia.

Affittare una stanza nel nostro Paese, infatti, costa di media 312 euro al mese, dato inferiore del 2,9% rispetto all’anno precedente.

Ad ogni modo, come detto, le differenza tra le principali città italiane sono notevoli. Per esempio, affittare una stanza in casa in condivisione a Milano prevede un esborso medio di 406 euro mensili, più del doppio dei 186 euro richiesti a Palermo, la città più economica del lotto delle città monitorate.

Nella graduatoria delle città più care troviamo Roma (385 euro mensili) e Firenze (355 euro mensili), che precedono Bologna (307 euro mensili), mentre nella parte opposta della tabella, oltre alla già citata Palermo, c’è Catania con i suoi 198 euro mensili.

Ecco, invece, il profilo di chi condivide l’abitazione: sono in prevalenza donne, di età media 29 anni (lo scorso anno era 28), vive nelle aree semi centrali o centrali delle grandi città, non fuma e non ammette animali in casa. 

Un’età media che può variare molto in funzione della zona geografica. Ad esempio, nelle grandi città come Roma e Milano la media sale a 30 anni, mentre nelle città tipicamente studentesche (Padova, Perugia, Pisa) l’età media oscilla tra i 26 e i 27 anni. Nelle città del sud (Napoli, Bari e Palermo) i coinquilini più giovani, con una media di 25 anni d’età.

Le convivenze miste (persone di entrambi i sessi) riguardano il 44% dei casi analizzati, la percentuale scende al 37% per le coabitazioni riguardanti solo donne e al 19% quelle tra soli uomini. Quanto alle preferenze per i nuovi compagni di casa, la stragrande maggioranza degli inquilini (92%) non fa alcuna differenze di genere.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.