L’Università è il percorso più importante, quello che fortifica ciò che già sei e segna solchi importanti per l’uomo o la donna che sarai domani.

Ma è anche il più duro, inutile nasconderlo. Le difficoltà sono scritte a caratteri invisibili nel cammino di tutti i giovani accademici. Un banco di prova e un trampolino di lancio, insomma, per la carriera professionale. È per questo che l’università non va presa sottogamba. Ecco allora cinque consigli puliti ed essenziali per affrontarla al meglio.

  1. Siate curiosi: Mi spiego meglio. Non limitatevi a scaldare la sedia di una fredda aula accademica in maniera passiva. Intervenite, fate domande, investigate su ciò che non è chiaro. Create un vostro pensiero critico, vi sarà molto più semplice e divertente frequentare le ore di lezione.
  2. Siate propositivi: Non adagiatevi sugli allori, mettetevi in gioco. Forza, il momento è ora, non domani. Proponete idee, soluzioni, incitate i colleghi a porsi domande e a darsi risposte. Siate aperti all’ascolto, al confronto e alla cooperazione. In questo modo potenzierete le vostre abilità di teamwork, competenza fondamentale per competere nell’attuale panorama lavorativo.
  3. Sfruttate le possibilità di intraprendere uno stage: Ogni offerta di lavoro al giorno d’oggi pretende che il candidato possieda almeno un minimo di esperienza. Ecco allora che l’opportunità di svolgere uno stage durante l’università si rivela una carta vincente che vi permetterà di avere un requisito in più per convincere il futuro datore di lavoro a proporvi un colloquio. Dall’altro lato, un’esperienza pratica può farvi capire se cià che stavate considerando è effettivamente quello che vi piace fare.
  4. Partecipate all’Erasmus: Un’esperienza all’estero è fondamentale. La maggior parte delle aziende danno per scontato che un neolaureato conosca perfettamente almeno la lingua inglese. Pertanto è caldamente consigliato sfruttare tutte le possibilità che l’università offre per utilizzare altre lingue oltre l’italiano. Erasmus, Erasmus Placement o progetti di mobilità Exchange. Non lasciate nulla dietro di voi, insomma. Per non poter dire un domani «maledizione avrei potuto farlo…». Fatelo, adesso.
  5. Coltivate i vostri hobby: Durante il periodo universitario, è utile riuscire a ritagliarsi dei momenti per se stessi, praticando ad esempio ciò che più vi piace o alletta. Questo vi permetterà di scaricare la tensione, ma di dimostrare anche a un futuro datore di lavoro che siete in grado di gestire e far conciliare lo studio con altri vostri interessi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.