Circa 150 aspiranti camici bianchi potranno frequentare regolarmente i corsi, nonostante non abbiano ottenuto il ponteggio necessario nella prova dello scorso 8 aprile, mentre altri 500 restano in attesa di risposte.

Il Tar di Palermo ha, infatti, dichiarato illegittimo il test di ingresso alla Facoltà di Medicina e Odontoiatria 2014 – 2015, accogliendo il ricorso presentato dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti.

In quella data sarebbe stato violato il principio dell’anonimato: sulla scheda delle aspiranti matricole, oltre al classico codice a barre, sarebbe stato posto un numero che avrebbe consentito l’identificazione dello studente.

L’Università degli Studi di Palermo dovrà adesso provvedere all’iscrizione dei vincitori del ricorso.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.