L’Ateneo di Palermo ha terminato, in anticipo sulla scadenza prevista del 20 ottobre, le procedure di immatricolazione per scorrimento delle graduatorie della maggior parte dei corsi di laurea.

E adesso riaprono le procedure di immatricolazione per i posti ancora disponibili in 35 corsi.

Sul portale dell’Università è stato pubblicato il bando, che contiene le scadenze per la manifestazione di interesse, per la pubblicazione delle graduatorie e per le procedure di immatricolazione.

Sono ammessi a partecipare i candidati collocatisi utilmente in una o più graduatorie di merito dell’Ateneo, ma che non siano stati inseriti nell’elenco dei vincitori anche a seguito di scorrimento.

Sono esclusi i corsi di studio con programmazione nazionale degli accessi (Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Architettura, Ingegneria edile-architettura, Professioni sanitarie, Scienze della Formazione primaria) e i 15 corsi che, al momento, non hanno ancora completato gli scorrimenti.

«Esaurita la fase di immatricolazione dei vincitori, anche a seguito di scorrimento – precisa il pro rettore vicario, Vito Ferro – l’Ateneo desidera, in questa fase, privilegiare coloro che hanno partecipato ad almeno uno dei test che si sono svolti dal 3 al 23 settembre. Qualora un candidato sia inserito in più graduatorie di merito, potrà manifestare interesse solo per quelle graduatorie per le quali non era inserito tra i vincitori anche a seguito di scorrimento, dal momento che ha già perso il diritto a immatricolarsi ai corsi per i quali era risultato vincitore. Non sono ammessi a partecipare coloro che risultino già immatricolati a uno dei corsi dell’Ateneo».

Il candidato potrà scegliere di manifestare il proprio interesse a immatricolarsi in uno o più corsi di laurea per i quali si trovi utilmente collocato in graduatoria, con un’unica pratica di manifestazione di interesse. Un ulteriore bando sarà successivamente emanato per i 15 corsi di laurea che devono ancora completare le procedure di scorrimento.

1 risposta

  1. SALVO

    si adesso uno vuole fare il medico e si accontenta dei posti disponibil di un altra facoltài!!! magari sceglie lettere e filosofia!!! ridicoli… Uno che non ha superato i test giustamente viene indirizzato a fare una cosa che non vuole fare… questi si che sono diritti…

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.