Come si diventa un insegnante di lingua italiana per stranieri e immigrati? A rispondere a questa domanda saranno gli studenti e i docenti del Master di II livello in Teoria, progettazione e didattica dell’italiano come lingua seconda e straniera, che vede in dirittura d’arrivo il nuovo bando per l’edizione 2014-2015.

Oggi, venerdì 10 ottobre, a partire dalle ore 18:00 alla Real Fonderia della Cala, studenti e docenti daranno vita al pomeriggio Rilassati, canta, salta, mettiti a testa in giù: stai imparando una lingua.

L’evento si aprirà con la presentazione del percorso formativo del Master, raccontato in occasione della recente pubblicazione del volume “Verso una didattica linguistica riflessiva. Percorsi di formazione iniziale per insegnanti di italiano lingua non materna”, curato da Adriana Arcuri e Egle Mocciaro, che da anni sono impegnate nell’attività di supervisione del Master.

Il volume, frutto dell’esperienza pluriennale dei docenti impegnati nel Master e nell’insegnamento dell’italiano nella Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università, descrive e argomenta l’orizzonte di senso della didattica della lingua non materna nel contesto attuale della società italiana e del plurilinguismo che la permea e illustra le scelte scientifiche e tecniche che sostanziano il percorso formativo del Master.

I nodi del discorso saranno affrontati attraverso lo sguardo degli studenti che hanno già concluso il Master nelle precedenti edizioni e che, con alcune riflessioni contenute nelle autobiografie di apprendimento scritte a conclusione del percorso, indicheranno i punti salienti della loro esperienza.

Il volume accoglie anche contributi di docenti di lingua italiana che operano in varie parti del mondo, a testimonianza di come il Master di Palermo si proietti in una prospettiva internazionale, non solo europea, indispensabile al respiro culturale e scientifico che lo caratterizza.

La seconda parte della giornata sarà dedicata a un laboratorio sulla voce e sui suoni, condotto da Chiara Amoruso, e alla dimostrazione di alcune tecniche che prevedono il coinvolgimento della dimensione corporea per l’apprendimento della lingua, a cura di Fabrizio Leto, Eleonora Palmisano, Laura Di Benedetto e Chiara Tiranno.

Saranno questi gli strumenti con cui si mostrerà a esperti e a giovani in formazione, o anche a semplici curiosi, in che cosa consiste l’affascinante percorso che porta a costruire insegnanti di lingua.

A completare il quadro, saranno disponibili documenti visivi e sonori relativi a segmenti significativi dei tirocini e delle sperimentazioni didattiche dell’ultima edizione del Master.

Le storie di alcuni ex studenti, adesso docenti, le loro esperienze formative e di crescita personale e professionale (come i tirocini all’estero, l’insegnamento della lingua italiana a ragazzi rom e a giovani migranti) sono raccontati in una serie di interviste che potete trovare al seguente link.

Per ulteriori informazioni: masteritastra@unipa.it.

L’evento è realizzato all’interno del fitto programma del Festival .

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.