Nuove proposte e richieste da parte della componente studentesca in merito ai corsi di recupero presso l’ex facoltà di Giurisprudenza. È stata presentata ieri al coordinatore del corso di studi della Scuola di via Maqueda, il professor Enrico Camilleri, la proposta riguardante le materie per le quali attivare i corsi di recupero al fine di agevolare gli studenti (iscritti al secondo anno fuori corso) che hanno riscontrato particolari difficoltà nel sostenere determinate materie.

La proposta, come riporta la Run Palermo, prevede per le tre sedi le seguenti materie scoglio:

  • Sede di Palermo:
  1. Diritto Processuale Civile;
  2. Diritto Commerciale I;
  3. Diritto Civile I.
  • Sede di Trapani:
  1. Diritto Processuale Civile;
  2. Diritto Amministrativo II;
  3. Diritto Romano.
  • Sede di Agrigento:
  1. Procedura civile;
  2. Diritto penale.

Secondo quanto riferisce l’associazione, a nome di tutta la componente studentesca in seno al Consiglio della Scuola di Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali «si rilevano notevoli discrasie tra i parametri usati dal COT nell’individuazione delle suddette materie e le effettive difficoltà riscontrate dagli studenti durante il loro percorso di studi. Infatti rimarrebbero escluse, seguendo tali criteri, insegnamenti sui quali emergono oggettive criticità nel conseguimento della materia quali:

  • Economia Politica per la sede di Palermo;
  • Diritto Finanziario ed Economia Politica per la sede di Trapani;
  • Diritto commerciale ed economia politica per la sede di Agrigento.

In base a tali considerazioni, la Componente studentesca, richiede l’attivazione dei corsi di recupero anche per gli insegnamenti appena citati, ad oggi esclusi dalle tabelle delle “materie scoglio”».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.