«Auguro a tutta la comunità accademica, docenti, personale amministrativo e tecnico-bibliotecario e studenti un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo». È l’augurio in video dal rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Roberto Lagalla. «Un anno che spero – continua – possa confermare quanto di positivo è stato fatto e riuscire a correggere quanto, e non è poco, va ancora perfezionato.

Mi avvio all’ultima fase del mio mandato elettorale e fra poco sarà tempo di bilanci. Ho la serena coscienza di aver svolto fino in fondo il mio dovere pur con difficoltà e inefficienze che sono inevitabili in una struttura complessa come quella universitaria».

Il rettore tiene a sottolineare che «la limitatezza delle risorse non ci ha comunque impedito di raggiungere un equilibrio di bilancio che ci permette di svolgere una programmazione delle risorse umane ma anche una riprogrammazione dell’offerta formativa. Un’università più a misura di studente e meno autoreferenziale in un rapporto vivido e chiaro con la comunità e con il territorio, ma senza dimenticare l’esigenza di crescenti profili di internalizzazione e finanziamento nel rapporto con l’impresa».

«Se queste premesse e il lavoro svolto – conclude – riusciranno a trovare ulteriore finalizzazione in questa fase del mandato, credo che insieme avremo fatto un buon lavoro».

1 risposta

  1. Rino Saia

    Grazie al rettore Roberto Lagalla per l’augurio di Natale rivolto all`intera comunita`uni-versitaria di Palermo. Seguo, o meglio seguiamo, anche da Sacramento Ca. USA. il progresso della comunita`universitaria di Palermo. Ricambiare auguri per le feste di
    Natale e Anno Nuovo e` stato un bel gesto. Speriamo che università, facoltà, studenti
    etc. possano creare una nuova e positiva immagine della Sicilia. Ancora oggi quando
    si parla della Sicilia c`e quel punto interrogativo che non vorrei catalogare. Auguri e Ciao.
    Rino Saia, Sacramento, California.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.