Anche l’Università degli Studi di Palermo è stata contattata per individuare i tecnici che dovranno formulare una spiegazione sulle cause che hanno provocato il cedimento di parte del viadotto Scorciavacche inaugurato a Natale sulla Palermo-Agrigento.

Al momento del crollo, fortunatamente, nessun veicolo si trovata su quel tratto di strada, che è stata subito chiusa dall’Anas. Intanto la procura di Termini Imerese ha aperto un’inchiesta.

A tal proposito il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, prima con su Twitter e poi su Facebook ha assicurato che «è finito il tempo degli errori che non hanno mai un padre. Pagheranno tutto».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.