«L’approvazione in Senato dell’emendamento che permetterà il voto agli studenti in mobilità Erasmus è una rivoluzione democratica per oltre 25 mila giovani italiani che ogni anno dedicano tempo ed energie alla loro formazione in un altro Paese».

Queste le parole del direttore generale dell’agenzia Erasmus+ Indire, Flaminio Galli, nel commentare l’approvazione dell’emendamento che introduce la possibilità di voto per gli studenti Erasmus, tema al centro della campagna #generazionesenzavoto promossa da Erasmus Student Network Italia.

«Come direttore generale di Indire, l’istituto che gestisce il programma europeo Erasmus+ per l’università – conclude –  credo sia un importante traguardo in termini di partecipazione attiva dei nostri studenti e aggiunge senso e valore al lavoro che svolgiamo con passione ed impegno da oltre 20 anni».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.