«Oggi è un momento storico per la città perché si unisce, dopo 225 anni, il giardino del popolo, Villa Giulia, con il giardino della scienza, che è l’Orto botanico».

È quanto ha affermato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, presente venerdì alla presentazione della Fiera della biodiversità alimentare della Sicilia, in corso di svolgimento all’Orto botanico di Palermo e, nell’ambito della quale, si è svolta la cerimonia dell’apertura del collegamento fra Villa Giulia e Orto botanico.

«Duecento venticinque anni fa – ha aggiunto Orlando – la separazione fra questi due giardini rispondeva a precisi canoni illuministici, tramite i quali si pensava di dover raggiungere, con un qualche distacco della vita quotidiana, gli alti valori della scienza. La cerimonia di oggi ci fa comprendere che un’epoca è finita. C’è un tempo per ogni cosa: un tempo per separare e un tempo per unire».

Alla cerimonia erano presenti, fra gli altri, l’assessore al Verde del comune di Palermo e direttore dell’Orto botanico, Francesco Raimondo, l’assessora alle Attività Produttive, Giovanna Marano, Sua altezza reale, la principessa Beatrice di Borbone e Roberto Lagalla Rettore dell’Università di Palermo.

1 risposta

  1. Marco

    e cosa cambia in concreto??? Si potrà accedere al parco gratuitamente tramite la Villa (ma non credo) o cos’altro? Perché questa saebbe la vera rivoluzione culturale! A proposito… Quando leggo “sua ( con la maiuscola) altezza reale, principessa” nel 2015, mi fate rimpiangere pure l’illuminismo!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.