Inizia oggi, venerdì 27 marzo la decima edizione de La Zagara, l’esposizione di piante rare e inusuali presso l’Orto Botanico di Palermo.

Una tre giorni, che proseguirà fino a domenica 29 che vedrà settanta espositori provenienti da tutta Italia e un ricco cartellone di eventi, guidato dal professore Carmelo Sardegna.

La mostra sarà aperta dalle 9:00 alle 20:00 con ingresso a 3 euro, ridotto 2.

Ogni anno, nelle due edizioni primaverile ed autunnale della mostra, si registrano trentamila visitatori. Quest’anno, tra le novità, le collezioni di rose antiche provenienti dai collezionisti romani. Tra i presenti il Sindacato fioristi con il suo omaggio floreale tricolore dell’Arma dei Carabinieri, artigiani, lo stand Slow Food con aziende selezionate da Mario Indovina e quello di Addiopizzo.

Si parte venerdì 27 marzo alle ore 9:00 con l’inaugurazione al Ginnasio della mostra di Sonia Mancuso Filippi, Il Bambù e quella di Domenico Passafiume, Colori e volti. Alle ore 10:00,  inaugurazione della mostra di Anna Cottone Carnet di viaggio e acquarelli nella ex serretta delle felci. Nel tepidario, Franca Raponi espone “Ulisse” e alle ore 17:00, nello spazio espositivo “Tineo”, Nicolò Giuliano propone La ceramica in fiore.

Nella giornata di sabato, gli eventi si svolgeranno nella sala Lanza: la mattina si apre alle ore 11:00 con la presentazione del libro di Gaetano Basile e Annamaria Musco Dominici, Il cibo è festa. Alle 18:00, Luca Lione terrà un concerto di solidarietà al pianoforte a favore della comunità di Sant’Egidio. La giornata si conclude con il maestro Vincenzo Marrone D’Alberti, concertista siciliano di fama internazionale.

Domenica 29 marzo, primo appuntamento è la presentazione del libro di Marilù Monte, Stefania Petrotta e Garden Tabacchi: sarà Tiziana Martorana a riflettere su Il sole a tavola. Alle ore 18:00, un nuovo concerto di solidarietà per la comunità di Sant’Egidio, stavolta con il Trio Demetra (Mariangela Lampasona, Daniela Santamaura e Stefano Iannuzzo) che si destreggerà tra musiche di Schubert, Mendelssohn, Scriabin, Elgar.

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.