È stata sottoscritta venerdì 3 luglio la proroga alla convenzione che dal 2014 regolamenta i rapporti tra l’Università degli Studi di Palermo e il Consorzio Universitario della Provincia di Agrigento.

La convenzione che viene approvata ribadisce l’onere del Consorzio a farsi carico del 35 per cento  delle spese relative alla docenza dei corsi attivati. L’accordo prevede comunque la possibilità di rinegoziazione in caso di mancata assegnazione delle necessarie risorse da parte della Regione Siciliana e dei Soci del Consorzio. Il rinnovo sarà valido per i prossimi tre anni accademici (fino al 2017/2018).

4 Risposte

  1. Angelo Nuzzo

    Cara redazione,
    apprezzando il vostro impegno nel diffondere notizie importanti come questa, mi chiedo che senso abbia estrarre due paragrafi da un comunicato inviato dall’UDU Palermo e da altre associazioni studentesche e tradurlo in un articolo firmato da Younipa in cui non si fa minimo accenno alle Associazioni che hanno inviato il comunicato nè si rispetta minimamente alcuna buona prassi di diritto d’autore rispetto al testo che pubblicate.

    Ritengo che tali buone prassi debbano essere pane quotidiano per chi si prende la responsabilità di gestire un blog, tanto più quello ufficiale dell’Università.

    Volendo sperare che non esistano ragioni altre se non un pò di superficialità a motivo di quello che è successo, vi porgo cordiali saluti e mi auguro che quanto da noi inviato in futuro potrà essere trattato con un attimo più di professionalità e serietà.

    Rispondi
  2. Younipa

    Salve Angelo, si tratta di una precisa scelta redazionale. La notizia riguarda l’Ateneo e non mi pare esclusiva di una associazione. Non mi pare che ci siano problematiche legate al diritto d’autore (il testo fa riferimento a quello della convenzione) ma qualora ci siano problematiche di questo tipo attendiamo una tua comunicazione formale a cui risponderemo allo stesso modo. Cordiali saluti.

    Rispondi
  3. Angelo Nuzzo

    No redazione, nessuna comunicazione formale e nessun procedimento contro chissà quale violazione del diritto d’autore. E’ solo una questione di buon senso basata su 2 semplici considerazioni:

    1- Sono d’accordissimo sul fatto che questa sia una comunicazione importante riguardante l’Università e non di appannaggio di singole associazioni. Mi meraviglio a tal proposito che il blog ufficiale dell’Università non sia minimamente informato al riguardo e debba farsi inviare la notizia a distanza di 5 giorni da un’associazione…

    2- Una volta acquisita l’informazione sarebbe carino scriverci un vostro articolo di sopra (fate questo qui no?) piuttosto che scopiazzare parola per parola un paio di paragrafi di un comunicato ben più ampio e articolato.

    Non credo di stare dicendo niente di radicale nè inimmaginabile, mi aspettavo solo un “grazie della segnalazione, potevamo risparmiarci il copia-incolla”, ma sarà per la prossima volta. Per questa di volta mi prendo il merito di scrivere abbastanza bene da fare parte della redazione del vostro blog (che da oggi però sento un pò meno mio).

    Altrettanto cordiali saluti.

    Rispondi
  4. ROSARIO

    MA LA PIANTATE TUTTI QUANTI DI FARE FLOODING OGNUNO PER LA PROPRIA PARTE? qui si vive una cosa che si chiama ATENEO, ovvero CULTURA… ed ogni informazione, se veridica, viene sempre bene accetta… se avete altri discorsi o altri livelli di discorso che riguardano diritti lesi da qualcuno o contro qualcuno, vedetevela in “parte civile”!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.