«La consegna degli attestati dei Master universitari di II livello, ha un valore profondo, perché intendiamo premiare il talento e la vocazione professionale di ciascuno di voi».

È quanto affermato dal rettore Roberto Lagalla, nel corso della cerimonia che si è svolta nel cortile dello Steri, nell’ambito di Univercittà con cui sono state consegnate le pergamene ai giovani che hanno conseguito il titolo. Il rettore si è rammaricato del fatto che molti giovani sono costretti ad emigrare facendo perdere il nostro capitale intellettuale che di conseguenza viene assorbito da Paesi stranieri.

«Eppure – sostiene il rettore – questa è una terra a cui non manca proprio nulla. Manca solo un progetto e quella centralità del sistema capace di raggiungere un’efficiente risultato che possa garantire una strada certa e giusti meriti a chi ha tanto lottato. Con tale impegno manifestato intendiamo privilegiare nei nostri giovani, la logica della competenza» e non «dell’appartenenza – ha proseguito il rettore – auguro loro che le conoscenze maturate, possano far sì che il prossimo sia un futuro ricco di soddisfazioni da poter cogliere qui in Sicilia, perché se partire talvolta è un diritto, restare può essere anche dovere».

Da parte sua la delegata al Coordinamento delle attività connesse alla pianificazione, organizzazione e gestione dei Master di Ateneo, prof.ssa Maria Crescimanno ha rimarcato come tale manifestazione sia il momento conclusivo di un iter intenso e impegnativo, iniziato nel 2009. «L’augurio più grande che formulo ai giovani è quello di un futuro più prospero grazie alle conoscenze acquisite nel nostro Ateneo».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.