Il ministro dell’Università e della Ricerca scientifica Stefania Giannini ha diffidato i soggetti coinvolti nell’eventuale istituzione a Enna di un corso di Medicina di una università romena, dal rettore della Kore, ai vertici della Fondazione Proserpina al presidente della Regione Siciliana a non fare nulla, a stare inattivi prima che il ministero abbia chiarito gli eventi.

Il ministro ha rivolto un in bocca al lupo agli studenti che si accingono a sostenere i test d’ingresso e ha chiarito che non c’è l’ingresso di un nuovo soggetto.

In molti avevano protestato contro l’iniziativa.

4 Risposte

  1. ROSARIO

    se il piccolo BOSSI si e potuto laureare in albania, perche gli ennesi non si possono laureare in romania?

    Rispondi
  2. Salvatore

    Certo non le entrano più i soldi dei test di ingresso ne entrano soldi a tutto ciò che c’è dietro il test di medicina (corsi di preparazione, avvocati ricorsisti ecc…)

    Rispondi
  3. ROSARIO

    SALVATORE bello… essere troppo disincantati non sempre aiuta ad essere costruttivi… in teoria, e si e cercato con la riforma dell’ allora MAGISTERO, tra i parametri dell’ universita vi e la produttivita sociale… se calcoliamo che tra francia e gran bretagna c’ e la transumanza dei medici precari e che i medici italiani delle regioni del nord fanno “volontariato congelato” in nero anche nelle strutture pubbliche, e che nel sud non solo i medici extra-comunitari fanno i lavavetri, forse di medici ce n’ e un po’ troppini ed un filtro a monte ci vorrebbe… discutere se sia legittimo o no limitare il diritto allo studio dei matricolandi, questa e una questione di principio di cui e corretto discutere qui… discutere se ha senso inserire le misure della ferilli tra le domande del test di ingresso, anche questo sarebbe importante, a meno che non diventi il ginecologo della ferilli e ti accorgi da un accrescimento che ha un tumore mammario… ma metterla solo sulla base economica, dove peraltro dovresti documentare in maniera inconfondibile che i soldi vadano in tasca al ministro e non al ministero, a me pare un po’ eccessivo… per la cronaca, mio padre era medico, ed io mi sento ancora vincolato dal suo giuramento di ippocrate… quando vedo un medico che svolge con serieta e severita il suo incarico contro le malattie, ma anche con affabilita e spirito di servizio verso i pazienti, sono fiero di questo suo collega che porta avanti ancora gli insegnamenti dell’ antica arte medica… ma se vedo medici iperspecialisti che non hanno idea dell’ umanita dei loro pazienti, o medici baroni che non hanno idea della loro sensibilita la cosa mi fa come minimo indignare… come ho detto forse un filtro ci vorrebbe…

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.