CALCIO, ECCELLENZA GIRONE A: Sconfitta interna per il Cus Palermo contro la Sancataldese al termine di una gara bloccata e senza troppi colpi di scena. Per il gruppo di Marco Aprile uno 0-1 che lascia l’amaro in bocca, in virtù delle tante polemiche sorte in occasione del gol ospite.

Il primo tempo parte subito con un lampo giallorossonero, quando dopo 15 secondi Iraci viene lanciato a rete, conclusione sul primo palo e sfera mandata in corner da Dolenti. Al minuto ’19 ci prova Graziano da fuori, con Lunetto che risponde per gli ospiti al 25′ con un piazzato che impegna Insenna. Gli ultimi due lampi della prima frazione vedono Di Franco pericoloso dalla trequarti con un calcio di punizione, così come Lunetto al 44′. La sua botta su calcio piazzato dai trenta metri fa gridare al gol il pubblico ospite.

Con la fine del primo tempo si spegne anche la gara. La ripresa, infatti, è noiosa ed ancor più bloccata. Sino al minuto 17, quando sugli sviluppi di un’azione che fa gridare al fallo la panchina del Cus, la palla viene messa al centro con Montalbano che in un modo o nell’altro la manda in rete. Grandi proteste giallorossonere, Aprile espulso ed un nervosismo che resterà tale sino alla fine della gara. Il Cus ci prova con palloni alti, Iraci dopo un solo minuto sfiora il gol, ma la sua conclusione a botta sicura viene salvata sulla linea da Di Marco. Quattro punte non bastano, anzi, nel finale la Sancataldese ha l’occasione per raddoppiare, ma la traversa conferma l’1-0 finale.

Sconfitta che brucia, quindi, per il Cus, specialmente dopo il bel successo portato a casa lo scorso weekend ad Alcamo. Da una svolta in mezzo al campo passerà l’eventuale inversione di tendenza casalinga, col Cus che sino a questo momento ha uno score migliore in trasferta. E non è un caso.

CALCIO A 5, SERIE C1 SICILIA: Il Cus Palermo di Toti La Bianca, grazie ad una prova che fornisce ulteriori segnali di una crescita continua e costante, pareggia 3-3 contro la Mabbonath, in trasferta, recuperando quanto perso a pochi secondi dalla fine, sabato scorso contro il Capaci. Un pareggio ottenuto contro una squadra splendida, costituita da molti elementi nettamente di categoria superiore e guidati da un tecnico, quale Antonio Gallo, emergente, ma già assoluta certezza. Ciò conferisce ancor più prestigio a questo punto, che ferma la corsa della capolista, sino ad oggi a punteggio pieno.

Il copione della gara è chiaro sin dalle prime battute, con la Mabbonath a gestire il pallino del gioco, in primis attraverso la padronanza tecnica di Di Trapani e Di Carlo. Il Cus tenta quando possibile di ripartire, ma sono i padroni di casa a sbloccare l’incontro al 17′, a margine di una bella azione manovrata. Il pari, però, non tarda ad arrivare, con Rao, che capitalizza una bella ripartenza. Per lui il primo gol in C1, per uno dei pivot più promettenti del panorama palermitano: adesso sta a lui prendere definitivamente coscienza delle proprie potenzialità, ampiamente palesi per tutti gli altri.

Nella ripresa la gara resta in bilico. Match bello ed entusiasmante, che ad ogni azione può regalare un gol. I neroverdi tornano avanti al 4′, con Cipolla, che è bravo a farsi trovare pronto sulla sinistra e di prima metterla nell’angolino basso. I ragazzi di La Bianca, però, stanno maturando anche nell’approccio alla gara e nella capacità di reagire alle difficoltà. Il pari arriva ancora una volta con Rao e sempre su contropiede. Cambio di gioco a tagliare l’area ed il pivot giallorossonero pronto a firmare il 2-2. Negli ultimi dieci minuti Gallo opta per il portiere di movimento. Scelta in un primo momento vincente, dato che proprio attraverso una manovra che sfrutta la superiorità numerica, viene portato a casa il calcio di punizione dal quale, con una splendida circolazione della sfera, arriva il 3-2. Di Carlo apre per La Rosa, che di prima serve al centro Di Trapani. L’esperto talento palermitano, a sua volta di prima, non sbaglia e firma il terzo vantaggio di giornata al 24′.

Nel finale il Cus trova la forza di gettarsi in avanti, Vassallo colpisce un palo in ripartenza ed al minuto 29′ tutti gridano al gol quando Rao taglia la difesa di casa e serve Blandi, che da mezzo metro, ma sbilanciato ed in corsa, non trova la via della rete. Sembra l’ultimo sussulto della gara, ma il cuore Cus Palermo permette a Cassata di essere pescato al limite d’area con un difficile pallone a mezza altezza. Grande coordinazione, mezza girata al volo e palla in rete. Un boato giallorossonero risuona al PalaOreto, perchè al contempo arriva anche il triplice fischio finale. E’ 3-3.

BASKET, SERIE D, UNDER 18, 16, 15, 14: Trasferta amara per il Cus Palermo in casa dell’Eagles Basket. Il derby tutto palermitano giocato al Pala Mangano si è chiuso con una vittoria per i padroni di casa. Una partita bella ed intensa, ben giocata dalle due compagini, che hanno dato vita ad uno spettacolo fatto di difese aggressive, ripartenze spettacolari e tanto bel basket. Coach, Federico Catania, ha schierato una formazione all’insegna della linea verde, vista anche l’assenza di due senior per infortunio. Catania aperto le porte ai numerosi talenti delle giovanili, che si stanno sempre più imponendo in questa squadra. Anche gli avversari hanno schierato una formazione ricca di giovanissimi, che fanno ben sperare per il futuro del basket palermitano.

Dicevamo di uno spettacolo di buon livello con i padroni di casa che nei primi due quarti hanno preso le distanze e negli ultimi due hanno gestito a fatica il vantaggio (parziali 25-14, 25-18, 24-24, 12-13) con i cussini mai domi fino all’ultimo. Al fischio finale il risultato è Eagles Basket Palermo 86, Cus Palermo 69. Adesso si attende il riscatto al PalaCus, sabato 14 novembre alle 17.30, dove andrà in scena la sfida con la Cestistica Terranovese Aquila.

Prima sconfitta per l’Under 18 sull’ostico campo della Nuova Pall. Marsala. Coach, Rosario La Rosa, ha tentato l’impresa in una partita dove i giallorossoneri hanno viaggiato sempre sotto, riuscendo solo a tratti ad avvicinarsi. Il risultato finale recita Nuova Pall. Marsala 61, CUS Palermo 56. Prossimo incontro lunedì 9 novembre, alle ore 19.30, al PalaCus contro l’Ads Leonardo da Vinci.

Vittorie per le altre squadre giovanili cussine: l’Under 16 di coach, Mario Franco, infatti, (nella foto) centra la prima vittoria in casa contro la Virtus Trapani A, per 61 a 50. Si conferma l’Under 15 di coach, Rosi Bonafede, che sul campo dei parigrado della Nuova Pall. Marsala si impone per 62-53 ed infine buon esordio per l’under 14 di coach, Lucia Bonafede, che in trasferta, contro il Ginnic Club, porta a casa la vittoria con il punteggio di 77 a 39

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.