Un gruppo di studenti ha occupato l’istituto dei sordomuti in via Cavour a Palermo, a pochi passi dalla Prefettura, rinominato Studentato Malarazza.

Gli studenti, nella giornata di ieri, hanno manifestato per strada contro il nuovo sistema di calcolo Isee e successivamente sono giunti davanti ai cancelli dell’Assessorato regionale all’Istruzione.

Ai balconi e alle finestre dell’istituto hanno appeso degli striscioni con scritto «aumentano le tasse pretendiamo alloggi» e ancora «1.500 richieste di alloggio; 680 posti disponibili. Riprendiamoci gli spazi abbandonati».

«L’occupazione di oggi – spiegano – ha un duplice valore: uno, quello di dare risalto alla giornata Internazionale dello Studente in cui, in quanto studenti universitari e medi abbiamo deciso di dare un forte segnale di presenza, sia tramite l’azione di questa mattina, sia con la riappropriazione di un nostro diritto. Due, l’occupazione di questo spazio, di proprietà dell’Assessorato sotto il quale oggi ci siamo riuniti in sit-in, ci permette di esercitare un’ulteriore pressione per far sì che il problema degli alloggi per gli studenti universitari trovi un’immediata risoluzione. La nostra risposta è riappropriarci immediatamente di uno spazio abbandonato e dimostrare così che, anche l’assessorato di competenza, come l’Ersu, hanno numerosi spazi che potrebbero mettere a disposizione, e che risponderebbero direttamente a quelli che sono i nostri bisogni. Oggi quindi – concludono – nasce un nuovo studentato, che si pone l’obiettivo di permettere a chi non può pagarsi un affitto di avere un alloggio per continuare serenamente i propri studi e garantisce un diritto che ogni giorno ci viene negato».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.