Per ridare senso a una delle piazze più grandi e importanti del capoluogo siciliano, Aisa – Associazione Italiana Studenti Architettura e Push hanno pensato di organizzare un workshop tematico, riservato a studenti universitari del Dipartimento di Architettura dell’Università di Palermo, con lo scopo di proporre soluzioni creative e low-cost adatte a rigenerare questo spazio.

Sant’Anna Jamming, però, non punta ad essere soltanto un momento di formazione attraverso l’utilizzo degli strumenti del Service Design, bensì un esperimento di co-progettazione che coinvolge, studenti, cittadinanza e pubblica amministrazione.

I lavori prodotti dai gruppi (che avranno un budget complessivo per la loro realizzazione pari a 5.000 euro) saranno, infatti, successivamente caricati all’interno di una piattaforma web che consentirà ai cittadini di conoscere le proposte e di votarle in modo da selezionare le due ritenute più valide. Entrambe verranno, infine, presentate al Comune di Palermo puntando sul costo esiguo e sul gradimento della cittadinanza affinché una delle due possa essere effettivamente realizzata.

Il workshop sarà organizzato nei giorni 27-28-29 novembre presso il Blow Up. Domenica 29 alle 15:30 vi sarà la presentazione dei lavori presso la Gam – Galleria di Arte Contemporanea.

Come rivoluzionare la piazza in 3 mosse:

  • Progettazione: una maratona creativa di 48 ore che coinvolgerà 30 tra futuri architetti, pianificatori e designer per ripensare la fruizione dello spazio.
  • Partecipazioneuna piattaforma web attraverso la quale ciascun palermitano potrà esprimere le propria opinione e supportare l’idea ritenuta più valida.
  • Rigenerazioneuna proposta concreta al Comune di Palermo affinché scelga uno dei due progetti più votati e si impegni a realizzarlo concretamente.

Maggiori informazioni qui.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.