Un momento di preghiera per la Pace, contro ogni forma di razzismo e di intolleranza è stato vissuto nella sala Magna dello Steri, nel corso della solenne celebrazione Eucaristica in preparazione del Santo Natale, presieduta da don Cosimo Scordato e concelebrata con don Riccardo Garzari e dal diacono Pino Grasso.

Presenti il rettore Fabrizio Micari, il pro-rettore vicario Fabio Mazzola, gli altri pro-rettori, numerosi delegati, docenti, il personale tecnico amministrativo e tra questi anche coloro che sono stati collocati in quiescenza nel corso dell’anno 2015 ai quali il rettore ha consegnato i sigilli dell’Università. Invitato anche l’Iman presidente della Consulta delle Culture Adam Darawasha che ha aderito all’iniziativa.

Durante la messa è stata anche effettuata una raccolta che è stata devoluta in beneficenza alla Missione Speranza e carità fondata dal missionario laico Biagio Conte.

«Vorrei che fosse un Natale caratterizzato dal valore della serenità e della famiglia – ha detto il rettore – che possa essere vissuto per rafforzare la nostra collettività. Sono certo che se riusciremo a vivere gli anni che verranno nello spirito di Comunità e di gruppo che si riconosce e che ha obiettivi comuni, dove l’interesse di tutti è quello di ciascuno e quello di ciascuno quello di tutti avremo realizzato una cosa importante».

Micari nel suo intervento ha anche ricordato Giuliano Di Trapani, lo studente tragicamente scomparso precipitando dall’edificio 12 che ospitava la Facoltà di Lettere in viale delle Scienze.
La celebrazione doveva essere presieduta dall’arcivescovo monsignor Corrado Lorefice, impegnato nella visita al reparto oncologico dell’Ospedale Civico di Palermo e in una serie di altre celebrazioni, anche dell’ultimo minuto come le esequie della mamma del vicario mons. Raffaele Mangano. Il rettore aveva inviato il seguente messaggio:

«Caro Arcivescovo, mi dispiace davvero che non abbia la possibilità di celebrare la Messa di Natale con la comunità accademica. Se riuscisse ad avvicinare, anche solo per un breve saluto, riempirebbe i nostri cuori di gioia. Mi auguro in ogni caso che l’appuntamento sia solo rinviato. La nostra università è la sua casa».

L’Arcivescovo ha fatto pervenire un messaggio con il quale ringraziando il rettore per l’invito ha manifestato i sentimenti di stima e apprezzamento per l’istituzione universitaria. “Grazie dal profondo del cuore. Caro Rettore Le prometto che al più presto verrò a celebrare con calma per condividere la gioia dell’amicizia. Tanti cari auguri. Ricambio l’abbraccio. Don Corrado».

In occasione delle Festività natalizie il rettore Micari ha diffuso anche un messaggio augurale alla Comunità accademica:

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.