Un momento di aggregazione e preghiera tra studenti, docenti e personale dell’Università degli Studi di Palermo. Ha preso vita venerdì scorso nella Chiesa Sant’Antonino, adiacente al Centro Linguistico di Ateneo, la Via Crucis di Quaresima animata dagli universitari.

In occasione dell’avvicinarsi della Pasqua, come ogni anno, studenti e personale della cittadella di viale delle Scienze si sono uniti per pregare e riflettere, attraverso un percorso che si è snodato dalla piazza esterna alla Parrocchia, proprio di fronte al Cla, per giungere all’interno della suggestiva Chiesa, a pochi passi dalla stazione.

La manifestazione è stata organizzata dal dottor Salvatore Squillaci, referente amministrativo-gestionale dell’area Comunicazione dei corsi della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio culturale. Con lui il cappellano di Unipa, nonché assistente spirituale degli universitari, padre Riccardo Garzari dell’Ordine dei Legionari di Cristo. Con loro i frati francescani minori, Fra Gaetano e Fra Pietro.

A commentare le quindici stazioni le diverse componenti universitarie che hanno meditato sul rapporto esistente tra simbologia della Via Crucis e il quotidiano. Il tutto in un vero passaggio dal buio e dai rumori all’esterno della Chiesa – contrassegnati da un percorso illuminato da candele – al silenzio e alla luce della Chiesa, stuccata in bianco e oro.

Per l’ultima stazione, un ringraziamento dei frati minori a Salvatore Squillaci per aver aggregato giovani e non in tale riflessione. La Via Crucis universitaria si ripeterà venerdì 11 marzo alle 21:00 presso la Parrocchia di San Raffaele Arcangelo, in via Gustavo Roccella.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.