L’Assessorato alla Cittadinanza sociale ha avviato lo Sportello di Ascolto per le vittime di reato, in collaborazione con Questura di Palermo (Commissariato Oreto Stazione), Polizia Giudiziaria del Tribunale per i Minorenni di Palermo, Università degli Studi di Palermo – Dems, e in partenariato con Centro Diaconale La Noce, Istituto Don Calabria, Centro Siciliano di Terapia della Famiglia, e associazione Finalmente.

Si tratta di un servizio sperimentale, gratuito, riservato e confidenziale, rivolto ai cittadini vittime di reato che abbiano sporto denuncia presso il Commissariato Oreto Stazione, che invierà la segnalazione all’Ufficio di Mediazione Penale del Comune, previo consenso della vittima.

«Rafforziamo, con un’importante collaborazione e sinergia con le Forze dell’Ordine e con il privato sociale, – hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Cittadinanza sociale, Agnese Ciulla – un percorso già avviato da tempo, che pone la nostra città all’avanguardia sul piano dell’intervento sociale e della mediazione nel settore penale, con risvolti positivi per tutta la comunità e per i singoli coinvolti».

Lo Sportello di Ascolto offrirà un servizio di accoglienza e spazio di ascolto, sostegno psicologico e sociale, informazione e supporto legale, orientamento ai servizi del territorio.

In questa fase di avvio, nella sede dell’Ufficio di Mediazione Penale del Comune, in via Don Orione 18, sarà presente sempre un operatore, dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00, il mercoledì pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00, secondo una turnazione dei vari mediatori e partner che garantiranno lo sportello.

1 risposta

  1. giovanni

    ritengo necessaria l’istituzione di uno sportello di ascolto presso la Corte dei conti, per i dipendenti dell’Universita’ di Palermo, oggetto di azione amministrativa fonte di incertezza giuridica ed economica inerente il rapporto di impiego, conseguente alla azione amministrativa basata su presupposti e convincimenti erronei e oggetto di autodenuncia pubblica dello stesso Ente, di rilevi della Avvocatura dello Stato e del Giudice Amministrativo, finalizzato a ricondurre l’azione amministrativa dell’Ente, entro l’alveo dell’art. 97 della Costituzione.
    Ritengo necessaria la vigilanza del Giudice dell’art. 97 della Costituzione, essendo l’Universita’ di Palermo, un ente della Repubblica e i dipendenti patrimonio umano.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.