Il 36% delle matricole delle università del Sud (anno 2015 – 2016) si è spostato verso quelle del Centro Nord.

Lo rivela Il Sole 24 Ore, riprendendo i dati dell’anagrafe nazionale degli studenti.

Altri due dati che fanno riflettere sono questi:

  • 92,6%, è la percentuale di permanenza nella propria regione degli studenti del Lazio;
  • 36,6%, è la quota di matricole calabresi che emigra in altre regioni per studiare.

Si tratta, quindi, di una migrazione che riguarda esclusivamente i neo studenti del Mezzogiorno.

La Regione che ha perso più studenti è stata la Calabria (36,6%), seguita da Puglia e Abruzzo (35%) e dalla Sicilia (26%).

Oltre agli studenti del Lazio, già citati, quelli a restare di più nel proprio territorio sono i lombardi (90,1%) e i toscani (89,2%).

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.