Per la festa delle lavoratrici e dei lavoratori, che si tiene ogni anno il primo Maggio, la Rete degli Studenti Medi e l’UDU – Unione degli Universitari, insieme alla CGIL e allo SPI, organizzano quest’anno un’intera giornata di musica, intrattenimento e aggregazione all’insegna del lavoro e dei diritti, che vede la collaborazione del Comune di Palermo.

L’appuntamento, inizialmente previsto l’1 maggio, è stato spostato a domenica 8 maggio a causa delle avverse condizioni meteorologiche. Appuntamento quindi a piazza Magione a Palermo con un grande evento di storia, aggregazione e diritti, che dal pranzo proseguirà fino a tarda serata.

Si alterneranno sul palco artisti del panorama musicale siciliano, come Lello Analfino dei Tinturia, i Tre Terzi, The Smuggler Brothers, La Banda di Palermo, i Medea, Fancies, Mantropia, Malaseno, e tanti altri gruppi e dj che si esibiranno fino alla sera.

Non mancherà un ricco punto ristoro con street food variegato e dai prezzi contenuti, con la partecipazione di esercizi commerciali locali. Nella piazza saranno allestiti inoltre stand espositivi di prodotti artigianali e di agricoltura biologica a km 0, ci saranno spazi aperti per potere giocare a pallone o godersi la giornata di sole e si alterneranno durante la giornata attività rivolte al pubblico di ogni età, compresi i più piccoli.

«La giornata – come si legge nella nota stampa – sarà una grande occasione per trasformare i classici momenti di festa del Primo Maggio in qualcosa di più: l’intera piazza farà da megafono a contenuti che richiamano la storia dei movimenti sindacali e dei lavoratori, ripercorrendone le battaglie e le conquiste, gettando uno sguardo sul presente incerto del mercato del lavoro e dell’identità dei lavoratori nel nostro tempo e provando a rilanciare attraverso un’idea di futuro in cui proviamo ad essere protagonisti, che riesca a dare speranze alla futura classe di lavoratori, ossia i giovani in formazione. In aggiunta durante la giornata si prevedono interventi e testimonianze dal palco oltre all’installazione di vari stand con mostre dei manifesti del Primo Maggio della CGIL dal 1945 ad oggi, presentazione e raccolta firme per il nuovo Statuto dei diritti universali del lavoro, punti informativi sull’attività dei Campi di lavoro antimafia di Corleone».

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.