Due importanti traguardi sono stati raggiunti in questi giorni nell’ambito di Sts-Med (Small scale thermal solar district units for Mediterranean communities), progetto finanziato dal programma Enpi Cbcmed, di cui il Consorzio Arca è soggetto capofila.

Il progetto prevede la realizzazione di quattro impianti poligenerativi basati sul solare a concentrazione, al servizio del fabbisogno energetico di 20.000 utenti provenienti da 20 comunità mediterranee locali, per una potenza complessiva di 400 kW.

E ben due di questi impianti sono stati inaugurati nell’arco di una settimana: a Cipro prima e in Giordania poi.

Alla presenza del Ministro cipriota delle Finanze on. Harris Georgiades, è stato infatti inaugurato l’impianto realizzato sul tetto del Novel Technology Laboratory del Cyprus Institute.

Grazie a questo nuovo impianto, il NTL diventa adesso un edificio Nearly Energy Zero, il primo in assoluto sul territorio cipriota.

Successivamente è stata la volta della Giordania.

A Irbid è stato infatti presentato il secondo impianto poligenerativo, che sorge sul tetto dell’edificio della facoltà di ingegneria dell’Al-Huson University College.

Grazie alla tecnologia CSP, anche questo impianto produrrà sia energia elettrica che riscaldamento e raffreddamento sfruttando l’energia solare.

Alla cerimonia hanno preso parte il dr. Esmat Al Karadsheh, coordinatore dell’Enpi Cbcmed Eastern Mediterranean Office, e il prof. Rebhi A. Damseh, dell’Al-Balqa Applied University.

Entrambi gli impianti Sts-Med, e la loro integrazione con altri sistemi solari avanzati implementati in diversi progetti finanziati dall’UE, consentiranno la creazione di laboratori energetici educativi, con benefici per gli studenti, i ricercatori, gli attori istituzionali e i rappresentanti delle imprese delle comunità locali.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.