È morto dopo una breve malattia, all’età di 68 anni, il prof. Matteo Campanella, ordinario di Telecomunicazioni presso il Dipartimento Energia, Ingegneria dell’informazione e modelli matematici.

Il rettore Fabrizio Micari, il Corpo accademico, gli studenti e il personale tecnico e amministrativo dell’Università di Palermo, partecipano con profondo cordoglio al dolore della moglie prof. Maria Stella Mongiovì e i familiari.

I funerali si sono svolti ieri, nel cimitero dei Rotoli.

9 Risposte

  1. Floriana

    Il migliore professore che abbia mai avuto, la ricorderò sempre con tanto affetto!

    Rispondi
  2. Leonardo Marabella

    è stato un grande. Ha lasciato buoni ricordi di professionalità nell’arte dell’insegnamento universitario

    Rispondi
  3. Alessandro F.

    Era un genio! Le sue lezioni erano fantastiche: stimolava la curiosità ed ascoltarlo era un piacere.
    Era per imparare da professori come lui che mi ero iscritto all’università, alla fine ho trovato solo lui… meglio di niente!
    Ti ricorderò con grande ammirazione per sempre.
    Ciao

    Rispondi
  4. Ezio

    Veramente un Grande. Tanto esigente quanto meticoloso e dettagliato nelle sue spiegazioni. Un vero piacere seguire le sue lezioni e superare di conseguenza i suoi esami.

    Rispondi
  5. Luca

    Non sono il tipo di persona che parla male delle persone scomparse, ma nemmeno quello che le loda in seguito. Voglio solo dare un parere obbiettivo, scrivento quello che penso. Nulla da dire sulla sua preparazione professionale, ma seguendo le sue lezioni purtroppo non c’è mai stata una volta in cui mi sono sentito rispettato come studente. Non credo che quelli che hanno commentato siano dei miei ex-colleghi, mi sembrano dei giudizi molto lontani da quelli che gli davano ai tempi!
    Detto questo mi dispiace per la sua scomparsa, riposa in pace.

    Rispondi
  6. Marco Ferrigno

    Mi dispiace veramente molto.
    Lo Ricordo durante le sue lezioni: sempre molto attento al rigore matematico nella teoria delle reti elettriche, nella trasmissione numerica.

    Ciao Matteo

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.