Una laureata in Economia e Commercio con il massimo dei voti e la lode nell’anno accademico 2006/2007 ha ricevuto nel 2016 una comunicazione della Segreteria studenti dove le veniva comunicato l’annullamento di quattro esami e del titolo di laurea e le veniva richiesta la restituzione della pergamena di laurea.

La laureata, che esercita la professiore di commercialista e insegna, si è rivolta al Tar Sicilia contestando il superamento del termine di diciotto mesi entro cui la pubblica amministrazione può annullare un provvedimento illegittimo, la mancata motivazione sulle osservazioni presentate dalla ricorrente e il disordine organizzativo accertato nei locali degli archivi e nelle sedi dislocate di raccolta dei verbali e degli statini di esame che non è imputabile alla ricorrente. L’Università degli Studi di Palermo si era costituita in giudizio contro la richiesta.

Il Tar Sicilia ha accolto la domanda incidentale di sospensione dell’esecuzione dei provvedimenti impugnati nelle more della definizione del giudizio nel merito.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.