L’Unione Europea ha finanziato per quasi un milione di euro il progetto Provide a cui l’Università degli Studi di Palermo partecipa con la ricercatrice di Sociologia Ignazia Bartholini.

Nove unità di ricerca e sperimentazione su una misura fra istituti internazionali e Università ma anche ospedali, organismi di cooperazione ong, comuni, prefetture saranno coordinati dalla Bartholini per sperimentare un modello volto a definire le best practices contro la VAW (Violence against Women) subita da rifugiati richiedenti asilo che la Comunità Europea adotterà nei suoi paesi frontalieri e di prima e seconda accoglienza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.