Doppio libretto universitario per gli studenti trans: che ne pensate?

Nello scorso mese di novembre dall’Università di Padova è arrivata una proposta che di certo – se concretizzata – rappresenterebbe un passo avanti significativo nella tutela della dignità di chi ha deciso di cambiare sesso.

L’associazione Antéros – impegnata nella lotta per il riconoscimento e la tutela dei diritti delle persone LGBTI – ha, infatti, lanciato l’idea di un doppio libretto universitario per gli studenti trans con l’obiettivo di difendere la loro privacy, «senza sottoporsi – come si legge su Studenti.it – a situazioni imbarazzanti e umilianti, che attualmente costringono una buona parte di questi studenti ad abbandonare l’università».

C’è da dire, comunque, che questo già avviene in altri atenei del paese, come a Bologna, a Torino e a Napoli. Nel capoluogo campano, ad esempio, la delibera del Senato Accademico è datata 13 febbraio 2010, con la quale si autorizza, «per gli studenti in attesa dell’accoglimento della domanda di cambiamento di sesso da parte del Tribunale e del conseguente rettifica dello stesso da parte dell’Ufficio Anagrafe, il rilascio di un duplicato del libretto (nel quale far riportare il nome scelto in relazione al genere a cui sentono di appartenere)».

Inoltre, si sta discutendo di questa proposta anche a Roma e a Milano.

In un’Italia in cui l’omofobia è una piaga sociale, sarebbe un segnale forte e significativo se l’idea del “doppio libretto” fosse estesa dappertutto. Che cosa ne pensate?

5 Risposte

  1. Dorrie

    Sarebbe sintomo di tolleranza e intelligenza ma ci sono ancora studenti, uno più cretino dell’altro, che indicano e ridono di persone che hanno cambiato sesso per accettarsi. Io sarei d’accordo.

    Rispondi
  2. adi

    sarebbe un grande balzo in avanti per unipa sul piano dei diritti civili. in fondo che male c’è?

    Rispondi

Rispondi a Re Cancella commento

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.

x
Segui Younipa su facebook, Instagram e Twitter