Proviamo a indicare alcune “dritte” per uno studio più efficace nel 2018.

  1. Condurre uno stile di vita sano
    Dormire a sufficienza e consumare cibo sano sono due aspetti fondamentali per la routine di studio. Cibi che migliorano la memoria e il rendimento sono pesce, noci, semi, yogurt e mirtilli ad esempio. Anche bere molta acqua e mantenersi idratati non va dimenticato.
  2. Essere positivi
    Immaginare un esito positivo dell’esame e concentrarsi su come fare a rendere questo desiderio realtà. Essere ottimisti e pensare di farcela porta a farcela davvero. 🙂
  3. Fissare degli obiettivi
    Darsi degli obiettivi come le date per finire i capitoli in cui si è suddiviso un libro può aiutare e incoraggiare. Si può anche stabilire anche un piccolo premio per ogni obiettivo. Bisogna sempre essere certi di fissare obiettivi raggiungibili e lavorare duramente per riuscirci, anche con qualche sacrificio.
  4. Scegliere un posto adeguato per studiare
    Un luogo silenzioso e senza distrazioni è ideale. Se si studia in casa si può provare a cambiare posto ogni giorno finché non si trova il luogo ottimale. Se si studia in biblioteca trovare il proprio posto preferito occupato non deve diventare un dramma ma un’opportunità di testare qualcosa di diverso. Ah: il telefonino distrae, assolutamente sì.
  5. Sforzarsi di comprendere più che di memorizzare
    Quando si comprende qualcosa la memorizzazione segue natualmente. Ok, non va bene per tutto.
  6. Fare proprio il contenuto
    Evidenziare con diversi colori o realizzare degli schemi può aiutare a introiettare meglio i contenuti.
  7. Fare delle pause
    Può sembrare banale ma fare delle pause aiuta a rendere meglio. La concentrazione cala naturalmente dopo un certo tempo e riposarsi migliora i risultati. Una passeggiata di una decina di minuti, una telefonata a un amico o prepararsi un caffè o una tisana possono essere delle idee.
  8. Farsi delle domande e mettersi alla prova
    Immaginare le domande che verranno poste all’esame sarà utile a fare calare la tensione quando ci si siederà. Esercitarsi per iscritto è un’altra buona prassi. Riuscire a recuperare le domande delle sessioni precedenti o assistere di persona è un suggerimento prezioso.
  9. Studiare con i colleghi
    Motivarsi reciprocamente aiuta a combattere i cali di motivazione che ciascuno studente affronta naturalmente. Quando si è sufficientemente preparati ci si può interrogare a vicenda.
  10. Parlare con i docenti
    Andare a ricevimento, soffermarsi dopo le lezioni, fare domande sugli esami e discutere temi chiave può aiutare a migliorare il rapporto con i docenti e a mostrare un’attitudine positiva verso la materia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.