Anche l’Università degli Studi di Palermo (Rosaria Ciriminna e Francesco Parrino del Dipartimento di Scienze agrarie) è coinvolta, con l’Istituto dei materiali nanostrutturati del Cnr, nelle ricerche sull’ossido di limonene che potrà essere utilizzato creare polilimonene carbonato, un tipo di bioplastica di grande qualità e resistenza e non inquinante. Basta irradiare con luce solare e in presenza di ossigeno il limonene, l’essenza estratta in abbondanza dalle bucce di arance e limoni.

L’agrumicoltura siciliana, primo produttore nazionale di limonene, potrà beneficiare della scoperta pubblicata sulla rivista scientifica Chemical Communications.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.