È stato inaugurato allo Steri, nella sala con il soffitto ligneo appena restaurato, l’anno accademico 2019/2020.

Il rettore Fabrizio Micari ha parlato dell’aumento delle immatricolazioni e dei laureati, del bilancio sociale e dell’esigenza di una nuova Politica per l’Università e ha lamentato modesti e carenti interventi a livello nazionale e regionale, concludendo con un appello alla fiducia ai giovani.

L’ex rettore e assessore regionale alla Formazione Roberto Lagalla ha dichiarato: «Condivido le considerazioni svolte dal Rettore Fabrizio Micari in merito all’impegno, sempre crescente, che deve essere assicurato all’alta formazione e alla valorizzazione del capitale umano. In un momento storico che vede oltremodo penalizzato il Mezzogiorno d’Italia e, con esso, il suo sistema accademico, mi piace confermare l’azione del governo della Regione a sostegno degli Atenei dell’Isola attraverso iniziative già assunte ed altre da consolidare ulteriormente. Mi riferisco ai finanziamenti già erogati per start-up giovanili, ricerca applicata, dottorati di ricerca, scuole di specializzazione di area medica e diritto allo studio mediante l’incremento delle risorse destinate a borse di studio per gli studenti bisognosi e meritevoli. Il numero particolarmente elevato di questi ultimi ci richiama a rafforzare gli interventi dell’Ente Regionale per il Diritto allo Studio in materia di residenzialità, così come è di prossima definizione la scelta governativa dei Presidenti dei Consorzi universitari siciliani che assicurano il decentramento dell’offerta formativa. Con queste riflessioni e a nome del governo della Regione formulo i migliori auguri di un proficuo anno accademico all’Università di Palermo e agli altri Atenei della Regione che hanno già avviato le attività didattiche per l’annualità in corso».

Gli interventi
Il bilancio sociale
Il video
Le foto

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.

x
Segui Younipa su facebook, Instagram e Twitter