Lo studente Pietro Melia ha lanciato una petizione per chiedere al rettore Fabrizio Micari di rendere fruibili online le lezioni dell’Univeristà degli Studi di Palermo, evitando così la frequentazione di luoghi affollati agli studenti.

Le regione con casi acclarati hanno sospeso in molti casi le lezioni universitarie.

Il testo della petizione:

«Il CORONAVIRUS (COVID-19) sta affliggendo il territorio italiano.

Dopo gli stati di emergenza proclamati dalle regioni Lombardia, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, Reggio Emilia e Liguria, Noi, in qualità di studenti dell’Università degli Studi di Palermo, chiediamo IN VIA PRECAUZIONALE, fino ad emergenza cessata, di poter utilizzare la Rete come strumento per il regolare svolgimento delle lezioni.

Le aule, come d’altronde tutti i locali universitari, possono essere, loro malgrado, mezzo di trasmissione tra individui del terribile quanto nefasto virus.

I luminari del settore medico-scientifico suggeriscono la non frequentazione di luoghi particolarmente soggetti ad affollamento.

“Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha deliberato lo stanziamento dei fondi necessari all’attuazione delle misure precauzionali conseguenti alla dichiarazione di “Emergenza internazionale di salute pubblica” da parte della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). È stato conseguentemente deliberato lo stato d’emergenza, per la durata di sei mesi, come previsto dalla normativa vigente, al fine di consentire l’emanazione delle necessarie ordinanze di Protezione civile”. (31 Gennaio 2020)

Le firme digitali sono raccolte mediante account personali Gmail.com; qualora si dovesse raggiungere un numero sufficiente di firmatari, utile a sottoporre al decisore la petizione qui in atto, è facilmente verificabile la proprietà, dei suddetti, di rispettivi account community.unipa.it»

La petizione ha già superato le 500 firme.

Condividi

3 Risposte

  1. Vincenzo

    Finora per fortuna da noi non è stato accertato alcun caso, ma per precauzione penso che la petizione possa essere utile anche per evitare zone di assembramento!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.