Sesso all’Università: un’indagine svela le abitudini degli studenti fuori sede italiani. Lo studente fuori sede medio confessa di praticare rapporti protetti solo per il 50% delle attività sessuali totali, di essere molto aperto alle sperimentazioni erotiche tramite l’utilizzo di sex toys e di travestimenti, ma di evitare i rapporti sessuali, completi e non, con i propri coinquilini.

Questi sono i dati emersi dall’indagine promossa da RoomUp, portale di affitto di stanze, su oltre 1300 studenti. Il sondaggio è stato incentrato su quattro macro aree “Sesso protetto”, “Hai mai fatto sesso con un tuo coinquilino”, “Hai mai fatto del sesso orale con un tuo coinquilino” e “Ce l’ho mi manca”.

Per ogni macro area sono state estratte le percentuali di entrambi i sessi e le risposte sono state riportate in un’infografica al fine di facilitarne la comprensione.
L’infografica mostra che i rapporti sessuali protetti sono praticati solo dal 50% degli intervistati, e mentre solo il 15% non utilizza mai nessun metodo contraccettivo il 25% quasi sempre e il 10% quasi mai.

L’83,7% degli studenti fuori sede confessa di non aver mai fatto sesso con un suo coinquilino e la percentuale dei “NO” subisce una lieve diminuzione quando viene domandato se hanno mai fatto del sesso orale con un coinquilino raggiungendo l’83,5% degli intervistati totali.

Maschi e femmine, alcuni dati importanti: il 56,8% degli intervistati di sesso femminile affermano di avere solo rapporti protetti, contro il 49,1% degli intervistati di sesso maschile. Maggior responsabilità?

A chiudere l’analisi c’è la sezione “ce l’ho mi manca” in cui gli intervistati hanno dimostrato nella maggioranza dei casi di essere aperti a praticare esperienze sessuali “non tradizionali”.

I dati utilizzati per stilare l’infografica sono stati raccolti attraverso un modulo anonimo distribuito nei gruppi Facebook degli atenei italiani. 1.337 risposte raccolte spontaneamente in sei giorni dimostrano come questo tema sia sentito dagli studenti; di queste ben 885 (445 di sesso femminile e 440 di sesso maschile) provengono da studenti fuori sede e sono state utilizzate per sviluppare l’infografica.

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.