Aggiornato il documento per uscire di casa, andare a lavoro, fare la spesa: si aggiunge la dichiarazione di non essere in quarantena né positivo

È on line sul sito del Viminale il nuovo modello da utilizzare per le autodichiarazioni (scarica qui) che contiene una nuova voce con la quale l’interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’art. 1, comma 1, lett oc) del Dpcm 8 marzo 2020 che – come è noto – reca un divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus “Covid-19”.

Il nuovo modello prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

ECCO COME FARE SE NON SI HA LA STAMPANTE

Se non avete la stampante – Se non potete scaricare e stampare il modulo dell’autocertificazione, potete in alternativa copiare a mano il testo, compilarlo e firmarlo. La dichiarazione sarà considerata comunque valida. Da ricordare che l’autocertificazione prevede la segnalazione di impegni a cadenza fissa: se si ripete ogni giorno lo stesso spostamento, per lo stesso motivo (ad esempio per recarsi al lavoro) non occorrerà avere con sé un documento nuovo e aggiornato.

Autocertificazione sullo smartphone – È possibile mostrare l’autocertificazione anche sullo schermo dei propri dispositivi mobili, ma essendo un Pdf da compilare, è comunque necessario stamparlo e poi ricaricarlo sul proprio telefono. Utile avere sul proprio computer un programma specifico che permette di firmare i documenti in Pdf, come Adobe Acrobat Pro DC. Per compilarlo invece è sufficiente la Suite di Microsoft Office, che permette di trasferire il Pdf in formato Word.

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata