Home

È accaduto in Russia, dove da qualche tempo le attività stanno tornando accessibili al pubblico.

Due elefanti si sono scontrati scatenando il panico in un circo russo con gli spettatori costretti a scappare dagli spalti. Il pubblico dei bambini e dei loro genitori è scappato dai posti, soprattutto nelle prime file.

Attimi di panico durante uno spettacolo circense a Kazan, in Russia: due elefantesse adulte hanno iniziato a lottare e sono finite oltre i confini dell’arena, vicinissimi al pubblico sugli spalti. Gli spettatori sono fuggiti via, mentre i domatori sono riusciti, non senza difficoltà, a separare i due animali. L’intervento dei domatori ha evitato che le elefantesse potessero fuggire dal circo. 

Le immagini girate nel circo e pubblicate sui social e sui media locali mostrano uno delle due elefantesse caricare l’altra più volte, fino a spingerla con violenti colpi oltre la recinzione, tra lo spavento del pubblico, tra cui erano presenti numerosi bambini. Un portavoce del Kazan State Circus ha detto ai giornalisti che non ci sono stati feriti e che i due animali sono stati riportati alla calma dai loro addestratori.

Secondo uno degli impresari del circo, la rissa potrebbe essere stata causata dalla gelosia per l’attenzione dell’allenatore, dopo che una voce nel filmato sul lato del ring è stata sentita dire: “Gli elefanti sono impazziti”. La rissa è andata in scena nella sede del Kazan State Circus nello spettacolo degli elefanti. Di seguito il video dei momenti concitati.

il video dei due elefanti

Alcuni domatori hanno commentato sui social: “Tra gli elefanti vige il matriarcato, e succede così che si contendono il primato, per far capire alla rivale chi è la padrona di casa”. Nessun danno né per le elefantesse né per il pubblico.


Altre notizie:

Il sogno di Micari: “Unipa Covid-free e lezioni in presenza al 100% a settembre”

Bollettino Covid, contagi in forte rialzo in Sicilia: i dati regionali e nazionali

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Fabio C.

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata