Home

Joleen Vultaggio, 50 anni di Detroit, stava esplorando la mappa di Google, quando si è imbattuta in un’isola sconosciuta e alquanto bizzarra. Da grande amante di Google Earth, infatti, non poteva credere che in mezzo all’oceano Pacifico esistesse un’isola dalla forma fallica. Lunga più di 500 metri, è stata scoperta all’interno delle isole tropicali Trinity, al largo della costa della Nuova Caledonia francese, in Oceania

Le foto idilliache di Google Earth mostrano l’enorme membro delimitato da un mare cristallino e coperto da una vegetazione lussureggiante, spingendo Joleen Vultaggio, 50 anni, a scherzare sui social.

Joleen, è stata sicuramente attratta dalla sua particolarissima forma. Ha dichiarato: “Stavo girando per il mondo ed è semplicemente spuntata fuori e ho pensato Wow, fondamentalmente sembra essere il membro di una persona”. Non ci ha pensato due volte: ha fissato un segnaposto su Google Earth sull’isola dalla forma fallica. Non voleva che la gente pensasse che se la fosse inventata o che l’avesse creata con Photoshop.

La grande isola

Joleen ha fondato un gruppo su Facebook dedicato ai fan e i fanatici della famosa mappa online, perché è curiosa di vedere cosa c’è nel mondo. Proprio qui ha postato la sua scoperta memorabile ribattezzandola “Penis Island”. L’isola a forma fallica trovata su Google Earth è davvero molto grande, e dista pochi chilometri da Trinity di Ouvea, che ha una popolazione di circa 3.400 abitanti ed è famosa per le sue spiagge idilliache.

L’isola tropicale lunga più di 500 metri nel bel mezzo dell’oceano: ma è proprio grazie alla sua forma piuttosto particolare, che ha catturato l’attenzione di questa curiosa esploratrice virtuale. Joleen ha detto “I miei figli pensano che io sia pazza a volte quando mostro loro le cose, quindi non gli ho mostrato questa nuova scoperta. Probabilmente si metterebbero a ridere e farebbero roteare gli occhi”.


Le coordinate dell’isola

https://goo.gl/maps/GGzD1fmqBos9hZ9f8

-20.62391018142786, 166.30602740590487


Altre notizie:

Scuola, Lagalla sulle Ffp2 in Sicilia: “Messe a disposizione, ma le scuole non le richiedono”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata